Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
8 ott 2021

Allerta meteo, scuole chiuse ma poca pioggia "Ci aspettavamo di più, era solo un parere"

Il referente della Protezione civile delle Marche: "Non abbiamo forzato i sindaci a firmare ordinanze, hanno preso decisioni autonome"

8 ott 2021
pierfrancesco curzi
Cronaca

di Pierfrancesco Curzi L’allerta ‘arancione’ annunciata per la prima mattinata di ieri è arrivata un po’ scolorita, pioggia e vento non hanno provocato grossi danni in città e in provincia. La preoccupazione maggiore per gli esperti meteo della Protezione civile delle Marche era legata all’aspetto idraulico, ossia piogge abbondanti potenzialmente in grado di innescare frane, smottamenti e l’ingrossamento dei fiumi col rischio di esondare. Dall’alba alle 8 e poi attorno all’ora di pranzo si temeva il peggio, ma nulla di tutto ciò è accaduto. Ma, per precauzione, davanti all’allerta della Protezione civile, alcuni sindaci (Ancona, Jesi, Senigallia, Osimo e Falconara) hanno deciso comunque di tenere chiuse le scuole. Con inevitabili disagi per le famiglie. "Ci aspettavamo precipitazioni molto più intense, almeno un terzo in più di quanto realmente successo – spiega il referente del settore meteo della Protezione civile delle Marche, Paolo Sandroni – I segnali che avevamo captato alla vigilia ci dicevano questo. Non temevamo l’impatto di temporali, quanto l’effetto sul suolo della regione a causa delle piogge abbondanti. In effetti, valutando quanto accaduto, per fortuna nulla di tutto ciò si è verificato. Sulla questione allerta arancione o gialla, in partenza ci aspettavamo la prima, poi la perturbazione si è mitigata. Noi non abbiamo forzato i sindaci a fare le ordinanze per la chiusura delle scuole, hanno preso decisioni autonome. Ci siamo limitati a fornire il nostro parere, ma gli aspetti normativi stanno ai Comuni. Incidenza dei cambiamenti climatici? È costante, ma quanto accaduto ieri non c’entra, il fenomeno lo osserviamo maggiormente quando arrivano temporali improvvisi, a volte forti se non addirittura devastanti, ma soprattutto in crescente aumento rispetto al passato e difficilmente prevedibili". Insomma, l’impatto stavolta è stato inferiore alle attese. A confermarlo è la stessa cronaca. I vigili del fuoco si sono messi al lavoro dalle prime ore del ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?