Un party al Conero Golf Club
Un party al Conero Golf Club

Sirolo (Ancona), 8 giugno 2019 - Erano attese oltre 2.500 persone per il tradizionale evento che apre l’estate a Sirolo, in programma per stasera nello scenario incantevole del Conero golf di Sirolo. In queste ore però è arrivata la comunicazione da parte dell’organizzazione dell’evento: il party è saltato.

«L’evento «Summer season opening» previsto per oggi, 8 giugno, già autorizzato dal Comune il 3 maggio, giovedì scorso alle 18 ha subito la revoca dell’autorizzazione concessa nonostante il permesso venga rilasciato da oltre dice anni – dice Alessandro Sartarelli di 'Eventi divertenti' che organizza la serata -. Il provvedimento di revoca, a parere dei nostri legali, è palesemente illegittimo nei suoi contenuti, tempi e modalità. A nulla sono valsi i nostri incontri con il Comune di Sirolo per trovare una soluzione ed evitare di cancellare un evento programmato da oltre un mese».

Lo staff si sta riservando sul da farsi: «Tutto è rispettabile e ci rimettiamo alle ulteriori verifiche richieste, collaborando con il Comune tramite i nostri tecnici come sempre. Ritengo però che queste dovrebbero essere effettuate prima di rilasciare un’autorizzazione e soprattutto, visto il tempo decorso, non a due giorni dalla data dell’evento. Come da prassi abbiamo atteso il rilascio della licenza prima di uscire con la promozione dell’evento. Oggi non è più sufficiente neanche questo. Siamo felici delle manifestazioni di supporto di tanti che ci dicono di non mollare».

Non è il caso Corinaldo in questo frangente a dettar legge, sono piuttosto, dicono dal municipio, i tempi tecnici. Il neoeletto sindaco Filippo Moschella spiega: «Se il progetto è conforme sotto l’aspetto tecnico lo deve affermare la Commissione di vigilanza comunale che non è stato possibile convocare in tempi utili per l’eventi. Si terrà nei prossimi giorni per valutare altre feste ed eventi con lo stesso format che si svolgeranno al Conero golf durante tutta l’estate. La società comunque era stata avvisata in maniera informale una settimana fa sul fatto che esisteva questo problema. Non appena insediato ho contattato la ditta per comunicare le mie riserve. Come sindaco ho assolto all’obbligo di legge in capo al Comune: la Commissione è convocata per tutelare i ragazzi partecipanti e la società stessa».