Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
29 mag 2022

È l’ultimo weekend senza ticket

Da domani sul lungomare si paga fino a mezzanotte. Regine: "Bancomat anche nei parcheggi scambiatori"

29 mag 2022
L’assessore ha annunciato che i clienti delle strutture pagherenno due euro al giorno
L’assessore ha annunciato che i clienti delle strutture pagherenno due euro al giorno
L’assessore ha annunciato che i clienti delle strutture pagherenno due euro al giorno
L’assessore ha annunciato che i clienti delle strutture pagherenno due euro al giorno
L’assessore ha annunciato che i clienti delle strutture pagherenno due euro al giorno
L’assessore ha annunciato che i clienti delle strutture pagherenno due euro al giorno

Un altro week-end senza ‘Parcheggione’. Parte da lunedì la sosta a pagamento sul lungomare, estesa da quest’anno fino a mezzanotte. La tariffa oraria è di 1,20 euro, mentre per lasciare in sosta l’auto l’intera giornata si pagheranno 8 euro. Risparmia chi sceglie i parcheggi di Ciarnin, Villa Torlonia, ex Sacelit (attivo dal 1° giugno) in quanto pagherà un ticket da 3 euro. Nelle varie zone saranno allestiti i parcometri: "A differenza degli altri anni, anche nei parcheggi scambiatori si potrà pagare con il bancomat – spiega Nicola Regine, assessore ai Lavori pubblici –. I clienti delle strutture ricettive pagheranno 2 euro al giorno per la sosta. I parcheggi verranno disciplinati con paletti e corde". A soffrire è soprattutto il lungomare Mameli, dove l’intenso traffico e la limitata ampiezza della carreggiata creano lunghe code. A peggiorare la situazione è il nuovo semaforo installato nell’intersezione tra via Raffaello Sanzio e via Zanella: il T-red ha prolungato l’attesa degli automobilisti causando un vero e proprio imbottigliamento per raggiungere il sottopasso, l’unico percorribile dai mezzi più ingombranti. Un po’ come avviene sul lungomare Marconi per raggiungere il sottopasso della Penna, dove, come in via Zanella, le attese al semaforo sono lunghe. La rotatoria nell’incrocio della Penna è ancora al palo.

Quello dei parcheggi sul lungomare è un problema che si ripresenta ogni stagione estiva quando i bagnanti, per risparmiare qualche euro, cercano di lasciare l’auto in prossimità del lungomare, rendendo spesso la vita impossibile ai residenti. Quest’anno a peggiorare la situazione c’è l’estensione della sosta a pagamento fino a mezzanotte. Difficile parcheggiare anche negli stalli della darsena turistica, riservati ai possessori di permesso, che lo scorso week-end si sono infuriati a causa dei mancati controlli. Al porto le auto sono state lasciate ovunque, anche a ridosso delle banchine, rendendo impossibile anche un’eventuale transito dei mezzi di soccorso. Parcheggi introvabili anche nella Cesano off limits alle auto il prossimo week-end per la tradizionale Festa del pesce che, dopo due anni di pandemia, torna ad animare la frazione sul mare. Intanto, per l’intera giornata di martedì e la mattinata di mercoledì è stata fissata la chiusura della Complanare per consentire la manutenzione del verde.

Silvia Santarelli

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?