Quotidiano Nazionale logo
25 apr 2022

Il premio Corelli al tenore Kaufmann: "Una voce da dio"

La star della lirica ha così commentato il prestigioso riconoscimento nel nome del cantante dorico: "E’ stato un punto di riferimento"

Il grande tenore Kaufmann con l’assessore alla Cultura Paolo Marasca e il direttore di Marche Teatro Velia Papa
Il grande tenore Kaufmann con l’assessore alla Cultura Paolo Marasca e il direttore di Marche Teatro Velia Papa
Il grande tenore Kaufmann con l’assessore alla Cultura Paolo Marasca e il direttore di Marche Teatro Velia Papa

"Un artista che, più di ogni altro, rappresenta oggi l’interprete di riferimento nel repertorio lirico, riconosciuto ed apprezzato da una platea globale". Poteva essere la motivazione di un premio dato a Franco Corelli negli anni ‘60. Invece lo è del ‘Premio Corelli100’ assegnato a Jonas Kaufmann, che ieri ha ricevuto il riconoscimento alla Mole. L’evento chiude le celebrazioni del centenario della nascita dello straordinario tenore anconetano. A ricordarlo è Paolo Marasca, assessore alla cultura di una giunta che non ha voluto rinunciare a rendere omaggio a questo illustre figlio di Ancona, nonostante i tempi. "Corelli è uno di quegli artisti che permettono a una comunità di essere in relazione con il resto del mondo. Le celebrazioni hanno avuto una partecipazione popolare, e in tanti hanno proposto idee e iniziative". In primis la Fondazione delle Muse, con il presidente Mario Ascoli Marchetti e la direzione artistica di Vincenzo De Vivo, e lo stesso teatro, diretto da Velia Papa, che si è detta "un po’ emozionata, perché questa è un’occasione straordinaria". La cerimonia inizia nel migliore dei modi: un video in cui Corelli canta da par suo due arie del ‘Trovatore’, seguite da un’intensa ‘E lucevan le stelle’ di Kaufmann. A introdurre i video è il critico Franco Brisighelli. Poi inizia l’intervista del suo collega Alberto Mattioli a Kaufmann, il quale conquista il pubblico con la sua simpatia e l’atteggiamento da anti divo. "Come giovane tenore ho preferito guardare al passato – spiega – agli anni ‘50 e ‘60, grandi anni per la lirica. Ho sentito migliaia di cose di Corelli. Oltre a una voce unica al mondo era un bellissimo uomo". Al suo commento "una voce da dio" la platea esplode in un applauso. "Il nome di Franco Corelli resta uno dei più importanti per chi fa questo mestiere. Aveva un repertorio che andava dal ‘600 al ‘900. In 25 anni ha creato interpretazioni memorabili per tutti i ruoli, gli stessi che io amo. Questo premio è una cosa molto speciale per me. Vi ringrazio, anche perché lo date a un terrone tedesco come me!" (Kaufmann è di Monaco, e i bavaresi sono un po’ i nostri ‘meridionali’). Il cantante annuncia che farà il ‘ Werther’ a Londra con Antonio Pappano. Ma non si concede al pubblico: "Ho dormito poco – dice – Sono stanco, e anche la mia voce lo è. Quand’è così meglio evitare rischi". I presenti capiscono. Ma chissà che in futuro Kaufmann non si esibisca alle Muse. Nel segno di Franco Corelli naturalmente.

Raimondo Montesi

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?