Giuseppina Spugni, sindaco di Poggio San Marcello, lavora al Cup del Carlo Urbani
Giuseppina Spugni, sindaco di Poggio San Marcello, lavora al Cup del Carlo Urbani
di Sara Ferreri Zero positivi e quarantene inferiori a cinque: Poggio San Marcello si conferma Covid free anche in questa terza ondata che sta colpendo fortemente la provincia di Ancona. Appena 650 abitanti, il piccolo borgo della Vallesina è abitato da una popolazione in gran parte anziana, circostanza che ha comportato probabilmente una maggiore prudenza. Sindaco Giuseppina Spugni, lei lavora nel mondo della sanità (al Cup del Carlo Urbani di Jesi) come valuta il fatto che il suo Comune non ha...

di Sara Ferreri

Zero positivi e quarantene inferiori a cinque: Poggio San Marcello si conferma Covid free anche in questa terza ondata che sta colpendo fortemente la provincia di Ancona. Appena 650 abitanti, il piccolo borgo della Vallesina è abitato da una popolazione in gran parte anziana, circostanza che ha comportato probabilmente una maggiore prudenza.

Sindaco Giuseppina Spugni, lei lavora nel mondo della sanità (al Cup del Carlo Urbani di Jesi) come valuta il fatto che il suo Comune non ha registrato praticamente mai contagi?

"Io e l’Amministrazione comunale monitoriamo costantemente i dati che vengono forniti dai database regionali, fortunatamente nell’ultimo periodo nel Comune di Poggio San Marcello non sono state rilevate positività, ma questo non ci permette di abbassare la guardia".

Che cosa fanno gli amministratori di Poggio San Marcello per fronteggiare questa difficile pandemia?

"Ci impegniamo ad essere vicini ai cittadini, informandoli con tutti i mezzi disponibili e ci avvaliamo dell’enorme lavoro svolto dal medico di base, dalle forze dell’ordine, dalle associazioni e dalle attività di consegna a domicilio della farmacia, dell’alimentari e del panificio. Ci tengo a ringraziare la cittadinanza per l’attenzione e la collaborazione con cui sta affrontando questo periodo pandemico e li invito a continuare a rispettare rigorosamente le indicazioni che ci vengono fornite dal Governo".

Si sono verificate particolari situazioni di criticità da parte della popolazione anziana costretta dai vari decreti a restare per lo più in casa?

"Non abbiamo registrato particolari criticità. Alcune persone hanno contattato me o gli amministratori comunali soprattutto per ricevere informazioni. Avviene quando si verificano ‘cambi di colore’ o quando vengono emanati nuovi Dpcm".

Ha constatato paure per questo virus e tutto ciò che sta comportando?

"Sicuramente non esiste un clima di paura, i cittadini di Poggio San Marcello hanno bisogno di un’Amministrazione che li informi, elimini eventuali dubbi e che dia la giusta assistenza nel momento del bisogno".

Il fatto di avere zero contagi tra i suoi compaesani secondo lei, sindaco a cosa è dovuto?

"Non esiste sicuramente un fattore unico. Secondo me ci sono più componenti che incidono: l’attenzione e la collaborazione dei cittadini, la presenza costante del sindaco e degli amministratori, le consegne a domicilio, il lavoro del medico di base, delle associazioni e delle forze dell’ordine e questo bisogna dirlo, anche un pizzico di fortuna".