Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
28 mag 2022

Gabrielli: "Goldengas, impresa pazzesca"

Il coach di Senigallia ripensa alla vittoria su Bisceglie senza i big Giannini e Bedetti: "Non avremmo mai vinto senza il sostegno dei tifosi"

28 mag 2022
La splendida coreografia dei tifosi al PalaPanzini
La splendida coreografia dei tifosi al PalaPanzini
La splendida coreografia dei tifosi al PalaPanzini
La splendida coreografia dei tifosi al PalaPanzini
La splendida coreografia dei tifosi al PalaPanzini
La splendida coreografia dei tifosi al PalaPanzini

Domani è già tempo di semifinali per la Goldengas che alle 18 sarà in campo al PalaSojourner per affrontare nella gara 1 la Real Sebastiani Rieti, ma a Senigallia è ancora vivo il ricordo dell’impresa di mercoledì sera, quando la squadra di coach Gabrielli si è qualificata proprio alla semifinale con una incredibile vittoria in gara 5 a Bisceglie. "Un’impresa pazzesca, incredibile, un autentico miracolo sportivo" ha sottolineato la società ricordando che la Goldengas si giocava la partita decisiva senza i suoi due giocatori più esperti (Giannini e Bedetti, seriamente infortunati) e con pochi, giovani ed acciaccati elementi, per giunta contro una squadra nettamente favorita dal pronostico e dal morale, visto che i pugliesi appena tre giorni prima avevano vinto di ben 44 punti a Senigallia riportando la serie sul 2-2. Sembrava quello il canto del cigno per una Goldengas apparsa senza più forze ed energie ed arrivata a Bisceglie dopo un lungo viaggio in pullman compiuto in giornata ed invece dalla Puglia si è tornati con un risultato inatteso ed anche storico: è infatti il risultato migliore della storia della pallacanestro senigalliese, che da 20 anni consecutivi milita in serie B ma non era mai arrivata a una semifinale per la A2. Centinaia sui social i commenti entusiasti dei tifosi della Spiaggia di Velluto, che hanno predisposto in tempo record una sorpresa per la squadra: alle 5.30 del mattino di giovedì, di ritorno da Bisceglie, giocatori e staff sono stati accolti da uno striscione con su scritto "immensi" all’ingresso del palasport di Senigallia.

"Grazie di cuore per lo striscione al nostro pubblico – ha sottolineato emozionato coach Gabrielli – che già nella vittoria in gara 3 ci aveva dato un grande aiuto: non avremmo mai vinto quella partita senza il sostegno del PalaPanzini. I ragazzi hanno dato una gran gioia a una città intera". "La dedizione mostrata dai giocatori della prima squadra in un momento di oggettive difficoltà – ha evidenziato invece un tifoso – rappresenta un esempio anche per i giovani del vivaio, tanti dei quali stanno tornando al palasport col sogno di arrivare da grandi in prima squadra": nella decisiva vittoria in gara 5 di Bisceglie, erano rispettivamente ben 5 e 8, su 10, i giocatori provenienti dal vivaio biancorosso e dal territorio. Filippo Giannini, uno degli infortunati per cui la stagione si è chiusa in anticipo, riassume con un post su facebook l’entusiasmo del gruppo: "sono orgoglioso dei miei compagni, del coach e dei nostri tifosi – ha scritto – A Bisceglie abbiamo toccato il punto più alto della storia della Pallacanestro Senigallia. Ora c’è Rieti, che affrontiamo con tanti infortuni e pochissime energie fisiche e mentali, ma con un cuore e una voglia da Eurolega". Prime due gare a Rieti (da domani) poi da venerdì la serie si sposta al PalaPanzini.

Andrea Pongetti

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?