Quotidiano Nazionale logo
16 mar 2022

Aveva rubato mascherine per trenta euro Assolta una 46enne di Martinsicuro

Aveva tentato di rubare mascherine per proteggere dal pericolo Covid se stessa, ma soprattutto i suoi familiari. Per questo è finita sotto processo una donna di 46 anni residente a Martinsicuro. Difesa dall’avvocatessa Rita Occhiochiuso la donna è stata assolta dal tribunale di Ascoli; il giudice che l’ha processata ha tenuto conto della tenuità del fatto e anche dello stato di indigenza dell’imputata che ha spiegato di essere stata in difficoltà economiche e per questo "costretta" a cercare di impossessarsi delle mascherine sanitarie, senza riuscirci. Era il 2 febbraio dello scorso anno quando la donna abruzzese si è presentata nel negozio Tigotà a San Benedetto ed ha cercato di arraffare due pacchi di mascherine chirurgiche per un valore complessivo di quasi 30 euro. Il tentativo però non è andato a buon fine visto che le due scatole erano dotate di del dispositivo antitaccheggio che è scattato allorquando la donna ha varcato la linea delle casse. E’ scattata la denuncia e con essa l’inchiesta della Procura di Ascoli che ha emesso nei confronti della 46enne un decreto di citazione diretta a giudizio. Il processo per l’accusa di tentato furto è terminato ieri con l’assoluzione dell’imputata.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?