Distanza dal mare:: "La regola dice 5 metri ma c’è chi trasgredisce"

Alcuni stabilimenti balneari violano le regole sulla distanza degli ombrelloni dal mare, creando disagi per i bagnanti costretti a passare in acqua o tra gli ombrelloni. I concessionari spiegano che la norma prevede 5 metri di spiaggia libera dalla battigia.

Distanza dal mare:: "La regola dice 5 metri ma c’è chi trasgredisce"

Distanza dal mare:: "La regola dice 5 metri ma c’è chi trasgredisce"

Ci sono tratti di spiaggia, per fortuna pochi, dove la prima fila degli ombrelloni si vengono a trovare in mezzo all’acqua con situazione di alta marea. Questo costringe le persone che passeggiano sulla riva ad entrare in acqua o a passare in mezzo agli ombrelloni. "Ci sono regole ed enti che le devono far rispettare – ci segnala un bagnante che invia anche alcune foto –. Lungo la riva tutti gli stabilimenti balneari, più o meno, rispettano la distanza dal mare con la prima fila di ombrelloni, sul litorale sud di Grottammare ce ne sono un paio che vanno oltre. Uno addirittura ha messo anche il palo con la corda per delimitare la concessione che arriva qualche metro in acqua". Senza scomodare le autorità preposte, la risposta al quesito del nostro lettore arriva direttamente dai rappresentanti dei concessionari di spiaggia: "La regola dice che dobbiamo lasciare liberi 5 metri di spiaggia dalla battigia alla prima fila di ombrelloni. Le concessioni non hanno una perimetrazione esatta sul fronte mare. Con medio mare ombrelloni e lettini a 5 metri dalla riva. E’ una norma semplicissima".