L’addio al consigliere. Pallocini bianchi in cielo per salutare Mario Cori

Castel di Lama, il politico di Fratelli d’Italia stroncato a soli 41 anni da un tumore: lo strazio dei familiari, nell’abbraccio di colleghi e amici.

L’addio al consigliere. Pallocini bianchi in cielo per salutare Mario Cori

L’addio al consigliere. Pallocini bianchi in cielo per salutare Mario Cori

Castel di Lama ieri mattina si è fermata per dare l’ultimo saluto a Mauro Cori, consigliere comunale, morto a soli 41 anni, dopo una battaglia contro un cancro, che non gli ha dato scampo. Castel di Lama è una comunità ancora sotto choc, che non riesce a darsi una spiegazione per quanto accaduto. Una vita spesa tra la politica, il lavoro e le amicizie, Mauro Cori era stato per tanti anni consigliere comunale, militava tra le fila del partito di ‘Fratelli d’Italia’ una persona che ha segnato in modo profondo la storia recente di Castel di Lama, contribuendo con il suo impegno alla costruzione del futuro. I funerali del consigliere comunale si sono svolti nella chiesa del Santissimo Crocifisso a Piattoni, dove la comunità si è raccolta per salutarlo. La messa è stata officiata da don Paolo Sabbatini, a termine della cerimonia l’onorevole Guido Castelli ha avuto parole di profondo apprezzamento, che hanno sottolineato le qualità umane di Mauro, la sua riservatezza, la sua eleganza, le sue capacità politiche. L’onorevole Castelli ha preso a prestito le parole della seconda lettera di San Paolo: "Ho combattuto la buona battaglia, ho terminato la mia corsa, ho conservato la fede". Parole commessa anche da parte dell’onorevole Carlo Ciccioli: "Il lutto è uno strappo e questo – ha detto – è uno stratto troppo forte". Anche il sindaco di Castel di Lama, Mauro Bochicchio è intervenuto commosso: "L’ho conosciuto che ancora non ero entrato in politica, ma partecipavo ai consigli, ho avuto modo di vederlo in azione, era sui banchi sempre con il sorriso, con le battute, l’ironia, ma sempre con garbo, con la massima educazione, ha sempre messo in campo un confronto leale, che è il sale della politica, della democrazia. Una persona preparata, terremo vivo il suo ricordo, contiamo di riassumere i suoi interventi in consiglio, sarà un modo per mantenere viva la sua memoria. Il nostro territorio perde una figura di spicco, significativa tanto per il mondo della politica, che per l’aspetto umano". AL termine del rito funebre la bara è stata salutata con un caloroso applauso, poi i presenti hanno lanciato in cielo palloncini bianchi. Cori è stato sicuramente un rappresentante politico che ha interpretato il suo ruolo nella maniera più laboriosa e dignitosa, con puntualità e rispetto. Il territorio lamense sicuramente deve essergliene grato. Maria Grazia Lappa