Coronavirus, tamponi in auto (foto d'archivio)
Coronavirus, tamponi in auto (foto d'archivio)

Ascoli Piceno, 15 agosto 2020 - Tamponi e test sierologici negli ospedali del Piceno: ora è possibile. L’Area vasta 5 ha infatti attivato un percorso di screening sierologico e tampone a pagamento. In sostanza, tutti coloro che desiderano effettuare autonomamente uno dei due test, o entrambi, per vedere se hanno contratto il virus Sars-Cov-2, da ora in avanti possono farlo anche in ospedale, e non solo negli ambulatori privati. Un servizio, questo, che fino a poco tempo fa non era erogato dall’Area vasta 5 a chiunque: solo coloro che venivano chiamati dal Servizio di igiene e sanità pubblica, nell’ambito della sorveglianza, potevano accedervi (gratuitamente). Ma quali sono le modalità per poterne usufruire? I prelievi (tampone e/o siero) verranno eseguiti nelle tensostrutture allestite esternamente agli ospedali ‘Mazzoni’ di Ascoli e ‘Madonna del Soccorso’ di San Benedetto, nei giorni di lunedì, mercoledì e venerdì, dalle 10 alle 11.

Dalla segreteria del laboratorio analisi, nei giorni prestabiliti, sarà aperta un’agenda che prevede un posto di screening ogni 3 minuti, dalle 10 alle 11 appunto, per un totale di 20 prestazioni. Nel caso in cui un utente chieda di eseguire, sia lo screening tampone, sia il test sierologico, in agenda saranno caricate due prestazioni. La tensostruttura di Ascoli è ubicata nel parcheggio davanti alla piastra ambulatoriale, mentre quella di San Benedetto si trova di fronte al Pronto soccorso. Gli utenti dovranno prenotare al numero telefonico unico 0735/793508 (laboratorio analisi) specificando il tipo di screening da effettuare. Il giorno prestabilito per l’esecuzione del prelievo, ci si dovrà recare prima alla segreteria del punto prelievi di appartenenza dove si effettuerà l’accettazione e il pagamento della prestazione (non serve l’impegnativa del medico) e poi, con la stampa dell’etichette, ci si dirigerà nella tensostruttura.

Il costo del tampone è di 60 euro, mentre quello del test sierologico completo di 28 euro. Ma qual è la differenza tra il tampone e il test sierologico? Il tampone nasofaringeo è un esame che serve per ricercare il virus e quindi per diagnosticare l’infezione in atto. Il test sierologico permette, invece, di individuare la presenza di anticorpi prodotti dal sistema immunitario in risposta al virus e non è dirimente per la diagnosi di infezione in atto, in quanto l’assenza di anticorpi non esclude la possibilità di un’infezione in fase precoce, con relativo rischio che un individuo, pur essendo risultato negativo al test sierologico, risulti contagioso. Attraverso il test sierologico (che consiste in un prelievo di sangue) è possibile individuare le persone che sono entrate in contatto con il virus e hanno sviluppato anticorpi, anche in assenza di sintomi. I test sierologici sono quindi uno strumento importante per stimare la diffusione dell’infezione in una comunità e sono stati effettuati, nei mesi scorsi, a un campione di persone selezionate in tutta Italia dall’Istat.

Le altre notizie

La situazione nel mondo: la Spagna chiude le discoteche

Turisti, atterraggi e caos rientri. "Dove si fanno i test Covid?"

Focolai dall'estero: ecco la guida per i rientri

Test in aeroporto per chi arriva dalle aree a rischio

Covid, ragazzo positivo al matrimonio con 100 persone