Ascoli, 18 novembre 2018 - Sfreccia in autostrada a velocità superiore al limite consentito dalla legge, sorpassa l’auto della polizia autostradale, ne scaturisce un breve inseguimento prima che il conducente si decida ad accostare alla piazzola di sosta. Al momento dei controlli, alla guida dell’auto risulta essere il noto pilota motociclista di origine ascolana Romano Fenati, che contrariato dall’accaduto, ha inveito contro gli agenti.

LEGGI ANCHE "Andavo da mio nonno in ospedale"

FENATIFOTOMONTAGGI_33611465_180657

LEGGI ANCHE Romano Fenati torna in pista nel 2019. Ma riparte dalla Moto 3

Per lui oltre al verbale per la violazione del codice della strada, è scattata la denuncia per resistenza al pubblico ufficiale. Il fatto è accaduto nella serata di venerdì, quando gli agenti della polizia autostradale della sottosezione di Porto San Giorgio, erano in servizio nel tratto dell’A14 su territorio maceratese in direzione nord. Erano le 22 circa, quando la pattuglia è stata sorpassata a gran velocità da un’Audi Q3. A quel punto gli agenti hanno tentato di far accostare la persona al volante dell’Audi, ma ne è scaturito un inseguimento durato per diversi chilometri, prima che, il conducente accostasse nella piazzola di sosta. Al momento dei controlli e alla richiesta dei documenti, è emersa l’identità del giovane 22enne motociclista.

FENATI_OBJ_FOTO_33539023

LEGGI ANCHE Fenati, pena ridotta. Potrà tornare a correre dal 21 febbraio

Fenati – che viaggiava in compagnia di una ragazza – a quel punto è andato su tutte le furie ed ha iniziato ad inveire contro gli agenti, indispettito e contrariato da quanto avvenuto. Un’azione che ha avuto l’esito scontato per chiunque trasgredisca le regole imposte: al conducente è stata quindi contestata la violazione del codice della strada per eccesso di velocità.

LEGGI ANCHE Fenati indagato per violenza privata dopo i fatti di Misano

Allo stesso tempo, per l’atteggiamento tenuto nei confronti degli agenti, per il pilota è scattata la denuncia per resistenza al pubblico ufficiale. Tutti ricordano il grave gesto commesso da Fenati (alla guida della Kalex del team Marinelli Snipers) sulla pista di Misano durante la gara dello scorso 9 settembre: dopo varie schermaglie con il pilota Stefano Manzi, Fenati lo affiancò lungo il rettilineo e afferrò il freno della sua moto mentre entrambi viaggiavano ad oltre 200 chilometri orari. L’azione compiuta costò a Fenati l’immediata squalifica estesa anche alle due gare seguenti. Successivamente, sia la Snipers che la Mv Agusta (rispettivamente team attuale e futuro) avevano annullato i contratti delle stagioni 2018 e 2019 per il fatto controverso. L’ultima notizia, invece, annuncia il ritorno di Fenati alle corse dalla stagione 2019 con la Snipers.