Emergenza Coronavirus (Foto Ansa)
Emergenza Coronavirus (Foto Ansa)

Bologna, 1 aprile 2020 - Per la gestione dei “pazienti in uscita”, persone cioè che hanno superato la fase pericolosa della malattia, con sintomi in regressione, ma per le quali è ancora necessario il ricovero in ospedale, l’Ausl ha identificato l’Ospedale di Vergato come Covid Resort.
Una proposta approvata dalla Conferenza Territoriale Sociale e Sanitaria Metropolitana, presieduta dall’assessore Giuliano BarigazzI.

LEGGI ANCHE Buoni spesa, come averli a BolognaEmilia Romagna, requisite 50mila mascherine e 13mila ventilatori Medicina, la nuova cura fa sperare -  I numeri in Emilia Romagna

Via libera a questa soluzione temporanea che ha visto scegliere l’Ospedale di Vergato per le caratteristiche della struttura che si presta per la tipologia di utenti che si è pensato di trasferire. Un ruolo cruciale quello dell'ospedale di Vergato, nel costante rimodellamento dell'intera rete ospedaliera metropolitana che assicura sicurezza ed efficacia delle cure ai pazienti Covid non più gravi che  non hanno più necessità di ventilazione, liberando al contempo letti negli altri ospedali Covid da dedicare a pazienti nella fase acuta della malattia.

I letti a disposizione al Covid Resort di Vergato sono 35 e verranno utilizzati, gradualmente  con l'ingresso dei primi 15 pazienti. All'interno dell'intero complesso ospedaliero, che comprende anche la Casa della Salute, sono stati realizzati percorsi distinti per pazienti Covid positivi e non Covid, a garanzia della sicurezza di ospiti ed operatori. A fine emergenza si rientrerà nell’ordinario assetto dell’Ospedale.