Domeniche super ecologiche: a Bologna circolano solo le auto super elettriche
Domeniche super ecologiche: a Bologna circolano solo le auto super elettriche

Bologna, 26 settembre 2018 - Sei domeniche super ecologiche, circolerà solo chi è elettrico e il biglietto del bus avrà valenza giornaliera: è questa la principale novità delle misure in campo per la qualità dell'aria. E la città metropolitana propone ai Comuni di condividere lo stesso calendario. 

AGGIORNAMENTO Domeniche ecologiche temporaneamente sospese

Ecco quali sono le sei domeniche super ecologiche: il 28 ottobre, l'11 novembre e il 2 dicembre 2018; il 13 gennaio, il 3 febbraio e il 3 marzo 2019. In queste domeniche, nella fascia oraria dalle 9 alle 18, il divieto di circolazione riguarda tutti i veicoli a motore eccetto quelli esclusivamente elettrici. Non potranno circolare i mezzi ibridi, né quelli funzionanti a metano o GPL. Via libera alle auto con almeno tre persone a bordo (car-pooling) se omologate con quattro o più posti oppure con almeno 2 persone a bordo se omologate a 2/3 posti, i mezzi pubblici, i veicoli del car-sharing e quelli a servizio di invalidi e, nonché quello destinati al soccorso. Per queste domeniche, grazie alla collaborazione con Tper, il biglietto urbano del bus avrà valenza giornaliera.

Esistono altre limitazioni nei giorni feriali?

Leggi anche: Car sharing Bologna, ecco le cento Fiat 500 di Enjoy / VIDEO

Irene Priolo e Valentina Orioli, assessori rispettivamente alle Politiche per la Mobilità e all'Ambiente, anticipano: "Stiamo lavorando anche a un accordo con Mobike per sconti sul servizio di bike sharing. Stiamo anche per avviare un confronto con il Laboratorio Aria per mettere in campo durante quelle giornate iniziative di sensibilizzazione. Bologna si è sempre distinta per il suo civismo e saprà farsi bandiera anche in questa battaglia per l'ambiente".

DAL PRIMO OTTOBRE MISURE CONTRO L'INQUINAMENTO - Dal 1° ottobre 2018 al 31 marzo 2019 il Comune di Bologna mette in campo un complesso di provvedimenti per la riduzione delle concentrazioni di PM 10 nell'aria.

Per quanto riguarda le limitazioni alla circolazione, dall'1 ottobre 2018 al 31 marzo 2019, in tutta la città, nella fascia oraria dalle 8.30 alle 18.30, dal lunedì al venerdì, non potranno circolare veicoli a motore eccetto quelli a benzina omologati euro 2 o successive; quelli a diesel categorie M1, M2, M3, N1, N2, N3 omologati Euro 5 o successive; ciclomotori e motocicli omologati Euro 1 o successive. Il provvedimento non si attua nelle giornate festive del 4 ottobre 2018, 1 novembre 2018, 25 e 26 dicembre 2018, 1 gennaio 2019.

Una seconda ordinanza, in via di pubblicazione da parte del Settore Ambiente, riguarderà invece i generatori di calore alimentati a biomasse. Quest'ultima ordinanza stabilisce, in particolare, che negli immobili in cui è presente un sistema alternativo di riscaldamento è vietato l'utilizzo di caminetti e di impianti a legna o pellet con prestazione inferiore a «2 stelle»; e che nei generatori di calore a pellet deve comunque essere usato pellet certificato.

Le limitazioni alla circolazione nel periodo di validità dell’ordinanza non comprendono alcune delle principali vie di collegamento della città con l’area metropolitana, come ad esempio la tangenziale e il raccordo tangenziale/Borgo Panigale, le vie che dagli svincoli della tangenziale e dell’autostrada portano ai parcheggi scambiatori della città, all'ingresso "Kiss and Ride” delle Stazione Alta Velocità, all'Aeroporto Marconi, e altri elencati nell'ordinanza.

Nel territorio metropolitano le limitazioni riguardano i 10 Comuni del cosiddetto agglomerato urbano di Bologna (Argelato, Calderara di Reno, Casalecchio di Reno, Castel Maggiore, Castenaso, Granarolo dell’Emilia, Ozzano dell'Emilia, Pianoro, San Lazzaro di Savena e Zola Predosa) oltre a Bologna e Imola. Oggi il Consigliere metropolitano delegato alla Mobilità Sostenibile, Marco Monesi, ha scritto ai sindaci di questi Comuni per proporre che le "domeniche ecologiche" vengano allineate al calendario proposto da Bologna, diverso da quello regionale, mantenendo però le limitazioni "base" previste dal Piano Aria Regionale.

AVVISI VIA SMS - Sul sito della Città metropolitana si trovano la mappa delle limitazioni e le informazioni per tutti i Comuni e un servizio gratuito di alert sms (o mail) che avverte quando scattano e quali sono le misure emergenziali.