A Monterenzio sospeso il secondo medico di base no vax
A Monterenzio sospeso il secondo medico di base no vax
Monterenzio, 25 novembre 2021 - Si aggrava sempre più la situazione medico assistenziale a Monterenzio con tremila pazienti senza il proprio dottore di riferimento. Dopo la sospensione, mesi fa, di Maria Grazia Dondini, medico di base locale No Vax, la cui sostituta, Linca Nusa Didona, con contratto a tempo, ha lasciato pochi giorni fa, ieri mattina il dipartimento di Sanità Pubblica ha sospeso anche Sandra Pellegrino, altro medico di base non vaccinato. Covid Bologna, mascherine anche all’aperto in centro e stop alle...

Monterenzio, 25 novembre 2021 - Si aggrava sempre più la situazione medico assistenziale a Monterenzio con tremila pazienti senza il proprio dottore di riferimento. Dopo la sospensione, mesi fa, di Maria Grazia Dondini, medico di base locale No Vax, la cui sostituta, Linca Nusa Didona, con contratto a tempo, ha lasciato pochi giorni fa, ieri mattina il dipartimento di Sanità Pubblica ha sospeso anche Sandra Pellegrino, altro medico di base non vaccinato.

Covid Bologna, mascherine anche all’aperto in centro e stop alle manifestazioni - No green pass Bologna: gruppi, siti e mappe. Il nostro test

Il territorio, dunque, che conta circa seimila abitanti rimane, alle porte dell’ennesima ondata Covid, con due soli medici di base. Grande preoccupazione, non appena è trapelata la notizia, è stata espressa dal consigliere comunale di minoranza, della lista Uniti Insieme a Monterenzio, Pierdante Spadoni: "Dire che questo è un problema è dire poco. Ci sono tantissimi cittadini anziani e fragili, il Covid si sta riaffacciando con violenza. Abbiamo due soli medici rimasti sul territorio e non si può pensare che colmino la mancanza degli altri due sospesi, e non sostituiti, occupandosi di tutti i loro pazienti. Sarebbe umanamente una follia. Mi chiedo dunque: c’è il rischio di sospensione del pubblico esercizio? A questo punto lo temo. Si può chiedere all’Azienda Usl di Bologna se, vista la situazione emergenziale, è possibile fare una revisione estrema delle sospensioni?".

Il sindaco di Monterenzio, Ivan Mantovani

A parlare per il Comune è il sindaco Ivan Mantovani: "La notizia di oggi (ieri, ndr) ci ha lasciati senza parole, non ne avevamo avuto alcun preavviso. Siamo in contatto con l’Asl e contiamo che entro domani (oggi, ndr) ci dicano come intendano sopperire alla mancanza di due medici di base su quattro. La comunità è preoccupata, noi lo siamo altrettanto. I medici rimasti fanno più di quello che possono per tutti, ma non si può andare avanti così a lungo".

In merito alla denuncia che la Dondini avrebbe sporto contro di lui precisa: "Io non ne sapevo nulla e l’ho appurato da una sua intervista su un quotidiano locale. Andrò dai carabinieri per fare chiarezza. Ad oggi non mi è stato notificato nulla". L’Azienda Usl di Bologna ha confermato la sospensione della Pellegrino e dichiara: "Il Dipartimento di Cure Primarie si sta adoperando alacremente per trovare medici che possano andare a sopperire i due sospesi a Monterenzio. Certo è che l’azienda sta lavorando senza sosta per risolvere questo problema". La stessa Pellegrino, da noi interpellata, non ha voluto rilasciare dichiarazioni.

Bologna Fc, terza dose di vaccino per Sinisa Mihajlovic

Terza dose vaccino covid dopo 5 mesi: in Emilia Romagna arriva un sms