Cesena, 9 febbraio 2019 - Slitta la riapertura del viadotto Puleto dopo il sequestro disposto dalla Procura di Arezzo che ha bloccato il traffico sull’E45 tra Romagna e Toscana. In un primo momento si era ipotizzata una settimana di lavori da parte dell’Anas per adempiere alle disposizioni della Procura per il monitoraggio in continuo del viadotto definito a rischio sicurezza dai periti del Pm. Ora pare che i tempi del cantiere possano allungarsi fino a metà della settimana prossima.

E45 G_36336246_023206

LEGGI ANCHE Una settimana di lavori per riaprire la strada

Il passaggio cruciale è il collegamento tra i sensori e i semafori approntati per bloccare il traffico al minimo segno di allarme. A quel punto gli ispettori incaricati dai magistrati dovranno verificare la situazione e potrà infine scattare il via libera, per ora solo ai mezzi inferiori alle 3,5 tonnellate di peso e con il limite di velocità di 50 km orari.

La riapertura potrebbe dunque scattare a ridosso di sabato 16 febbraio, giornata nella quale i sindaci romagnoli e toscani hanno indetto una manifestazione all’area di servizio Canili, luogo simbolico poiché i dipendenti della stazione sono stati messi in cassa integrazione.

Le comunità locali lungo l’E45 vogliono richiamare il governo alla necessità di affrontare con decisione la situazione che ha provocato gravi danni all’economia del territorio. Le Regioni Emilia-Romagna, Toscana ed Umbria hanno decretato lo stato di crisi e hanno avanzato al governo la richiesta di dichiarare lo stato di crisi nazionale. I sindaci denunciano che la situazione «peggiora ogni giorno e alcuni effetti negativi potranno manifestarsi solo fra qualche mese, causando danni irreversibili per la nostra economia» ma «nessuno dei ministri interpellati ha risposto».