Covid: il bollettino del contagio de 21 dicembre nelle Marche
Covid: il bollettino del contagio de 21 dicembre nelle Marche

Ancona, 21 dicembre 2020 - Sono 162 i nuovi positivi al Covid 19 nelle Marche su 889 tamponi processati nel percorso nuove diagnosi (ricordiamo che il fine settimana il numero di test è minore rispetto ai giorni feriali). Intanto prosegue lo screening di massa: in tre giorni rilevati solo 126 positivi su 25mila test. Il Servizio Sanità della Regione Marche ha comunicato che nelle ultime 24 ore sono stati testati 1434 tamponi: 889 nel percorso nuove diagnosi (di cui 450 nello screening con percorso Antigenico) e 545 nel percorso guariti. Nelle ultime 24 ore nelle Marche calano i ricoveri in Terapia intensiva (-1) mentre ci sono 7 ricoveri in più nei reparti non intensivi. 

L'aggiornamento Covid oggi Marche, dati e contagi

L'incidenza di positività cresce di sette punti percentuali, attestandosi al 18,2% (su 889 tamponi). Ieri era dell'11,8% su 3.144 test. 

La mappa del contagio provincia per provincia

I 162 nuovi positivi sono così distribuiti: 12 in provincia di Macerata, 58 in provincia di Ancona, 71 in provincia di Pesaro-Urbino, 13 in provincia di Fermo, 7 in provincia di Ascoli Piceno e 1 da fuori regione.​

Come ci si ammala

Questi casi comprendono soggetti sintomatici (21 casi rilevati), contatti in setting domestico (34 casi rilevati), contatti stretti di casi positivi (46 casi rilevati), contatti in setting lavorativo (4 casi rilevati), contatti in ambienti di vita/socialità (15 casi rilevati), contatti in setting assistenziale (2 casi rilevati), contatti con coinvolgimento di studenti di ogni grado di formazione (2 casi rilevati), screening percorso sanitario (6 casi rilevati). Per altri 32 casi si stanno ancora effettuando le indagini epidemiologiche. Nel Percorso Screening Antigenico sono stati effettuati 450 test e sono stati riscontrati 29 casi positivi (da sottoporre al tampone molecolare).

​Altri sette morti

Si sono verificati sette decessi nelle Marche nelle ultime 24 ore. Tutti con patologie pregresse. Il servizio Sanità della Regione comunica che tre persone sono decedute all'ospedale di Pesaro Marche Nord (una 99enne di Reggio Emilia, una 79enne di Pesaro ed un 89enne di Pesaro), una a Galantara di Pesaro (una 94enne di Mombaroccio), una alla Rsa di Corinaldo (un 93enne di Corinaldo), una al Torrette di Ancona (un 74enne di Castelfidardo) ed una all'ospedale di San Benedetto del Tronto (un 64enne sambenedettese).

Il bilancio delle vittime da inizio emergenza sale a 1.491: 862 uomini e 629 donne che nel 95,5% dei casi presentavano patologie pregresse e con un'età media di 81 anni. Il territorio con più vittime è la provincia di Pesaro Urbino (635), seguito da Ancona (346), Macerata (257), Ascoli Piceno (124) e Fermo (115) mentre sono 14 le persone decedute provenienti da fuori regione.

Ricoveri e terapie intensive

Calano i ricoveri in Terapia intensiva nelle Marche (-1) e crescono quelli nei reparti non intensivi (+7). 

Tra i pazienti in ospedale quelli in terapia intensiva sono 63: 13 a Pesaro Marche Nord, 18 ad Ancona Torrette (-1), otto a Jesi, 11 all'ospedale Covid di Civitanova Marche, quattro a Fermo e nove a San Benedetto del Tronto. Nelle aree semi intensive 135 ricoveri rispetto ai 129 di 24 ore fa (44 a Marche Nord, 16 al Torrette, quattro a Senigallia, 10 a Jesi, sette a Macerata, 28 all'ospedale Covid, 12 a Fermo, 11 a San Benedetto del Tronto e tre ad Ascoli Piceno) nei reparti non intensivi invece sono 288 contro i 287 di ieri (37 a Marche Nord, 37 a Torrette, 24 all'Inrca di Ancona, 20 all'Inrca di Fermo, 19 a Jesi, 19 a Senigallia, 41 a Macerata, 10 all'ospedale Covid, 12 a Camerino, 30 a Fermo, 19 a San Benedetto del Tronto, sette ad Ascoli Piceno e 13 alla casa di cura di Villa Serena di Jesi).

I pazienti nei pronto soccorso marchigiani sono 11 tra Marche Nord (5), Urbino (3), Fabriano (2) e Civitanova Marche (1) mentre i casi ospitati in strutture territoriali 240 di cui 45 alla Rsa di Campofilone di Fermo, 25 a Chiaravalle, 53 a Galantara di Pesaro, 36 alla Rsa di Macerata Feltria, 26 a Fossombrone, 23 a Ripatransone e 32 alla Residenza dorica dell'Inrca.

La mappa dei contagi

Dei 162 nuovi casi positivi 12 sono stati rilevati in provincia di Macerata dove i contagi da inizio emergenza salgono a 8.310, 58 in provincia di Ancona (10.401), 71 Pesaro e Urbino (8.245), 13 a Fermo (4.339), sette ad Ascoli Piceno (4.860) e uno da fuori regione (1.276). I casi/contatti in isolamento domiciliare sono infine 11.818 (9.242 asintomatici e 3.426 sintomatici): 3.658 a Pesaro Urbino, 3.439 ad Ancona, 1.491 a Macerata, 1.489 a Fermo e 1.741 ad Ascoli Piceno. In quarantena anche 555 operatori sanitari.

Screening di massa: 126 positivi su 25mila test

Il Servizio Sanità della Regione Marche ha comunicato che l'operazione di screening "Marche sicure" nelle giornate di venerdì 18, sabato 19 dicembre e domenica 20 dicembre 2020 ha rilevato un'adesione di 25.049 persone con 126 casi positivi al test antigenico rapido. Complessivamente nella città di Ancona sono stati effettuati 5372 test e sono stati rilevati 28 casi positivi, nelle due città di Pesaro e Urbino 7087 persone si sono sottoposte a screening e sono stati riscontrati 66 casi positivi, nella città di Macerata sono stati effettuati 3005 test di cui 20 sono risultati positivi. Nella città di Fermo sono stati processati 4290 test di cui 8 con esito positivo. Nella città di Ascoli Piceno sono stati effettuati 5295 test di cui 4 sono risultati positivi. In totale la percentuale di positività è pari allo 0,5% mentre la percentuale di adesione sulla popolazione target è dell'8%. I casi positivi rilevati sono stati sottoposti al tampone molecolare.

Lo screening gratuito rivolto a tutti i cittadini prosegue nelle città di Ancona, Ascoli Piceno, Fermo, Macerata, Pesaro e Urbino fino al 23 dicembre. Ad Ancona anche dal 27 al 30 dicembre. Sul sito istituzionale della Regione e dei rispettivi Comuni sono presenti tutte le indicazioni e le modalità per partecipare. A seguire saranno coinvolti, in fasi successive, tutti i Comuni delle Marche.

Arriva il 'Buono mobilità studenti'

La Regione Marche rimborserà gli abbonamenti scolastici non utilizzati dagli studenti delle scuole superiori in didattica a distanza. Verrà rilasciato un “Buono Mobilità Studenti”, valido sulle tratte regionali ferroviarie e su gomma, non nominativo, cedibile a persona diversa, in modo da consentirne una libertà d’uso, se il titolare originario non avesse più necessità d’impiego, magari perché frequentante l’ultimo anno scolastico.

Lo ha stabilito la Giunta regionale, su proposta dell’assessore ai Trasporti, Guido Castelli. “È una forma di ristoro economico, dovuta alle famiglie marchigiane danneggiate dall’emergenza Covid, che hanno acquistato un servizio non utilizzato a seguito dell’introduzione obbligatoria della didattica digitale integrata dall’inizio del mese di novembre”. 

Due milioni di euro le risorse del bilancio della Regione Marche destinate all’operazione di rimborso.

Coronavirus, le altre notizie

Variante Covid, l'immunologo: "Niente panico"

Il Coronavirus e l’incubo delle mutazioni. "Ma il vaccino ci proteggerà lo stesso"

Bassetti: "Italia lenta sui vaccini". Poche 1,7 milioni iniezioni al mese

Niente cinema, ristoranti, viaggi. Il buco nero delle vacanze di Natale