Bologna, 17 giugno 2021 – Aumentano leggermente i contagi in Emilia Romagna. L'assessore alla Salute della Regione, Raffaele Donini, anticipa il bollettino covid di oggi, 17 giugno, e fornisce i primi dati. I casi sono 89 (ieri 73) su oltre 16.800 tamponi processati, lo 0,5% circa (ieri 0,4%).

Aggiornamento I dati 18 giugno 2021

Mario Ruocco: morto di covid a 14 anni a Modena

Dati nazionali Coronavirus: i contagi Covid del 16 giugno. Bollettino Italia e dati dalle regioni

Covid, la mappa dei contagi in Emilia Romagna

L'età media nuovi contagi è molto bassa, 33,5 anni. Si registra un decesso, una donna di 77 anni del Parmense. Calano i ricoveri: meno 15 pazienti nei reparti Covid (245 in totale) e meno 2 in terapia intensiva dove con 49 degenti totali si scende sotto quota 50.

Cala anche l'incidenza settimanale dei nuovi casi di coronavirus che sono 17 su 100mila abitanti.

Per quanto riguarda i vaccini, alle 11 oltre 3,3 milioni di dosi somministrate. “Siamo al 91,7% di dosi somministrate su quelle consegnate, siamo la prima regione”, dice Donini.

“In Emilia Romagna la variante Delta ha ancora percentuali molto basse – aggiunge Donini -. La settimana scorsa eravamo a 15 casi su oltre un migliaio di sequenziamenti. Questa variante non sembra in questo momento girare con percentuali elevate ma continueremo a vigilare”.

Sommario

Covid Italia: dati di oggi e tabella delle regioni

Prosegue il calo della curva epidemica in Italia. I nuovi casi sono 1.325, contro i 1.400 di ieri, e soprattutto i 2.089 di giovedì scorso. Con 200.315 tamponi, circa 3mila meno di ieri, ma il tasso di positività rimane stabile allo 0,7%. I decessi sono 37 (ieri 52), per un totale di 127.190 vittime dall'inizio dell'epidemia.

Si allenta ancora la pressione sulle strutture sanitarie: le terapie intensive sono 27 in meno (ieri -33) con 15 ingressi del giorno, e scendono a 444, mentre i ricoveri ordinari sono 176 in meno (ieri -269), 2.888 in totale. E' quanto emerge dal bollettino quotidiano del ministero della Salute.

Le regioni dove oggi si registrano più contagi sono Lombardia (232 casi), Sicilia (228) e Campania (131).

Coronavirus Emilia Romagna: i dati del 17 giugno 2021

Dall’inizio dell’epidemia da Coronavirus, in Emilia Romagna si sono registrati 386.028 casi di positività. Nelle ultime 24 ore sono stati effettuati 8.102 tamponi molecolari, per un totale di 4.908.293. A questi si aggiungono anche 8.707 tamponi rapidi.

Prosegue l’attività di controllo e prevenzione: dei nuovi contagiati, 29 sono asintomatici individuati nell’ambito delle attività di contact tracing e screening regionali. Complessivamente, tra i nuovi positivi 38 erano già in isolamento al momento dell’esecuzione del tampone, 51 sono stati individuati all’interno di focolai già noti.

L’età media dei nuovi positivi di oggi è 33,5 anni.

Sui 29 asintomatici, 16 sono stati individuati grazie all’attività di contact tracing, 8 attraverso i test per le categorie a rischio introdotti dalla Regione, 1 con gli screening sierologici, 3 tramite i test pre-ricovero. Per 1 caso è ancora in corso l’indagine epidemiologica.

I contagi nelle province dell'Emilia Romagna

La situazione dei contagi nelle province vede Modena con 23 nuovi casi, seguita da Bologna (14), Cesena (13), Parma (12) e Ravenna (11). Poi Ferrara Reggio Emilia (entrambe con 4 nuovi positivi), Piacenza (3), Forlì e il Circondario Imolese (entrambe 2); infine Rimini (1).

I casi di positività sul territorio dall’inizio dell’epidemia, che si riferiscono alla provincia in cui è stata fatta la diagnosi, sono così distribuiti: 23.602 a Piacenza (+3, di cui 2 sintomatici), 28.428 a Parma (+12, di cui 2 sintomatici),46.876 a Reggio Emilia (+4, di cui 3 sintomatici), 65.599 a Modena (+23, di cui 18 sintomatici), 82.273 a Bologna (+14, di cui 12 sintomatici), 12.637 casi a Imola (+2, di cui nessun sintomatico), 23.167 a Ferrara (+4, tutti sintomatici), 30.495 a Ravenna (+11, di cui 9 sintomatici),17.059 a Forlì (+2, di cui 1 sintomatico), 19.661 a Cesena (+13, di cui 8 sintomatici) e 36.231 a Rimini (+1, sintomatico).

Covid Bologna: oggi 14 casi

Dei 14 nuovi casi di positività in provincia di Bologna, 12 hanno effettuato il tampone per presenza di sintomi, 1 è stato individuato attraverso i test per categoria, per 1 caso, infine, è in corso l’indagine epidemiologica.
Tra i 14 nuovi contagi, 8 sono sporadici e 6 sono inseriti in focolai. Nessun caso è stato importato dall’estero o da altre regioni.

Rispetto a quanto comunicato in precedenza, sono stati eliminati 2 casi, positivi a test antigenico ma non confermati da tampone molecolare. In seguito a verifica è stato eliminato 1 deceduto dalla provincia di Parma, in quanto la causa non era il Covid. 

Emilia Romagna, un decesso: i morti di covid salgono a 13.239

Purtroppo, si registrano un nuovo decesso, a Parma: si tratta di una donna di 77 anni. Nessun decesso in tutte le altre province.

In totale, dall’inizio dell’epidemia i decessi in regione sono stati 13.239.

Calano i casi attivi: -431

Per quanto riguarda le persone complessivamente guarite, sono 519 in più rispetto a ieri e raggiungono quota 366.551.

I casi attivi, cioè i malati effettivi, a oggi sono 6.238 (-431 rispetto a ieri). Di questi, le persone in isolamento a casa, ovvero quelle con sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere o risultano prive di sintomi, sono complessivamente 5.935 (-414), il 95,1% del totale dei casi attivi.

Calano ricoveri e terapie intensive

I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 49 (-2 rispetto a ieri), 254 quelli negli altri reparti Covid (-15).

Sul territorio, i pazienti ricoverati in terapia intensiva sono così distribuiti: nessuno a Piacenza (come ieri), 5 a Parma (invariato), 4 a Reggio Emilia (invariato), 10 a Modena (invariato), 21 a Bologna (-1), 1 a Imola (invariato rispetto a ieri), 2 a Ferrara (invariato), nessuno a Ravenna (-1), nessuno a Forlì (come ieri), 2 a Cesena (invariato) e 4 a Rimini (invariato).

Vaccini, i dati della campagna

Continua intanto la campagna vaccinale anti-Covid, estesa anche agli under 40. In Emilia-Romagna, infatti, nei giorni scorsi si sono aperte, con finestre scaglionate, le prenotazioni per i ragazzi tra i 12 e i 19 anni, per i 30-39enni e per i 25-29enni. Da ieri agende aperte per i 20-24enni, con la possibilità di prenotarsi che resterà sempre aperta a partire dalla data di sblocco delle finestre, per consentire a tutti coloro che lo vorranno di ricevere il vaccino.

Alle ore 15 sono state somministrate complessivamente 3.328.236 dosi; sul totale, 1.168.676 sono le persone che hanno completato il ciclo vaccinale.

"AstraZeneca agli under 60? Neanche su richiesta"

“Non somministriamo Astrazeneca (così come pure l'altro vaccino a vettore virale J&J, ndr), così come indicato dal Governo, alla popolazione vaccinabile al di sotto dei 60 anni”. Lo chiarisce l'assessore alla Salute in Emilia Romagna, Raffaele Donini, in un punto online sulla situazione epidemiologica e vaccinale. Niente AstraZeneca in Emilia Romagna nemmeno agli under 60 che lo chiedono in modo volontario, precisa l'assessore. “Nel Lazio per quel che ne sappiamo c'è una richiesta al Governo su questo”, non ancora una modalità effettiva. Per ora in Emilia Romagna nessun under 60 ha rifiutato il mix di vaccini, con la seconda dose Pfizer o Moderna.

“Magari ci sono conversazioni anche abbastanza approfondite con i medici in fase di anamnesi nei centri vaccinali. Però non abbiamo notizie di questi rifiuti e non c'è alcuna somministrazione anche su base volontaria”, ha chiarito Donini. Il Lazio, ha aggiunto l'assessore che è anche coordinatore della Commissione Salute della Conferenza delle Regioni, “ha posto un tema non banale, lo ha posto all'interlocutore giusto che è il governo e vedremo quale sarà la risposta del governo”.

Quanto al rischio di non avere scorte sufficienti di vaccini a mRna (Pfizer o Moderna) per coprire le seconde dosi di under 60 che hanno fatto la prima con AstraZeneca questo, ha detto l'assessore, «ha a che fare col tema di come muovere le scorte, che è un tema immenso che però finora non ci ha impedito di avere buone prestazioni”.

Comunque chi in Emilia Romagna ha una prima dose prenotata con Pfizer o Moderna al momento “non corre il rischio” di uno slittamento di data per l'esigenza di dover dirottare quella dose a un under 60 che deve fare il richiamo con mRna e non più con AstraZeneca.

Coronavirus, le altre notizie

Variante Delta in Emilia Romagna: i dati. Vaccino AstraZeneca vietato agli under 60

Muore per il Covid a 14 anni: Mario è la più giovane vittima d'Italia

Mix di vaccini: opzione o obbligo? L'appello di Gimbe

Zona bianca dal 21 giugno: tutte le regioni. Entrano pure Toscana e Sicilia. Chi cambia

Mascherine all'aperto, verso lo stop dal 15 luglio

Mix di vaccini: opzione o obbligo? L'appello di Gimbe

Stato d’emergenza, governo diviso. Salvini all’attacco: no alla proroga