It-Alert Emilia Romagna, perché il messaggio non è arrivato o è in ritardo

Durante il test, l’allarme potrebbe non funzionare come dovrebbe e la notifica potrebbe avere problemi. Ecco qualche spiegazione in merito

Bologna, 10 luglio 2023 – Si è svolto oggi il test in Emilia Romagna per valutare il funzionamento di It-Alert. Alle ore 12 di oggi, la maggior parte degli emiliano-romagnoli dovrebbe aver ricevuto il fatidico messaggio di prova del nuovo sistema di allarme pubblico nazionale, ma non per tutti è stato così.

Nel caso in cui l’avviso non sia arrivato o sia arrivato in ritardo, i motivi potrebbero essere legati sia al dispositivo in uso che a It-Alert stesso.

LEGGI ANCHE: Come disattivare il messaggio di emergenza – Cosa fare quando arriva il messaggio con il questionario

Il messaggio test di It-Alert: come fare se non arriva
Il messaggio test di It-Alert: come fare se non arriva

Perché il messaggio non arriva correttamente

Come già accennato, può capitare che l’avviso non venga ricevuto correttamente. In caso la notifica arrivi ma senza suono, la causa potrebbe essere l’impostazione del dispositivo. Se il proprio cellulare infatti è in modalità silenziosa, la suoneria potrebbe non verificarsi.

Il messaggio doveva arrivare a mezzogiorno ma invece è stato consegnato qualche minuto dopo? I motivi possono essere diversi: si stava utilizzando la modalità aereo sul telefono o il dispositivo era spento, oppure ci si trovava temporaneamente fuori dall’area interessata dal test e ci si è entrati dopo poco.

Nelle situazioni in cui il messaggio invece non sia arrivato, il problema potrebbe dipendere dal dispositivo e dalla versione del sistema operativo installata sul cellulare. Una nota importante da segnalare è che, in caso di dispositivi senza campo o spenti, l’avviso di It-Alert non verrà consegnato affatto.

I limiti di It-Alert e cosa fare

Attraverso la tecnologia cell-broadcast, i messaggi It-Alert possono essere inviati a un gruppo di celle telefoniche geograficamente vicine, delimitando un'area il più possibile corrispondente a quella interessata dall'emergenza.

Questo porta comunque con sé dei limiti, come la ricezione del messaggio a utenti fuori dalla zona, oppure, come già spiegato, la mancata consegna in posti senza copertura.

Il sistema è ancora sperimentale e i test servono proprio a correggere eventuali errori di ricezione ed efficacia.

Se non si è ricevuto il messaggio o è arrivato in ritardo, è necessario lasciare la propria testimonianza sul questionario, in modo che la Protezione civile possa migliorare il servizio.