Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
3 giu 2022

Superbonus 110, più crediti ai condomìni di Emilia Romagna e Trentino

Nella classifica delle detrazioni fiscali già incassate seguono Lombardia, Umbria, Veneto e Toscana

3 giu 2022
featured image
Superbonus 110%
featured image
Superbonus 110%

Bologna, 3 giugno 2022 - Superbonus, chi ha approfittato di più dello sconto del 110%? L'Emilia Romagna (73%) e il Trentino (74%) sono le due regioni nelle quali i condomìni hanno realizzato più lavori e incassato più crediti fiscali derivanti dal Super Ecobonus 110% rispetto al totale delle somme ammesse a detrazione, mentre il Lazio con il 55% è ultimo in Italia.

Approfondisci:

Bologna, Luca Dondi e il mercato delle case. "Grandi, con giardino e in periferia"

I lavori già realizzati

Il dato emerge dallo studio del Das - compagnia di tutela legale del gruppo Generali Italia - sui dati Enea-Mite di marzo 2022. A livello nazionale, i condomìni, pur costituendo soltanto il 16% delle asseverazioni totali depositate, rappresentano quasi il 50% degli importi totali ammessi a detrazione. A fronte di 19.050 pratiche sono stati approvati crediti per 10,25 miliardi di euro rispetto a un totale di 21,14 miliardi. I condomìni hanno già realizzato lavori per quasi due terzi (64%) degli importi totali approvati da Enea e Mite. 
Con un valore pari al 44% sul totale delle asseverazioni depositate, in Valle d'Aosta i condomìni risultano più attivi che altrove nella richiesta di bonus edilizi. Seguono Trentino-Alto Adige (42%) e Basilicata (33%). Friuli Venezia Giulia, Veneto e Sardegna registrano invece il valore più basso di pratiche presentate (8%). In Valle D'Aosta, Basilicata e Trentino Alto Adige il valore delle detrazioni approvate a favore dei condomìni costituisce oltre il 70% del totale. 

Le detrazioni già incassate

Per quanto riguarda le detrazioni fiscali già incassate, dietro a Trentino-Alto Adige (74%) ed Emilia-Romagna (73%) si posizionano Lombardia (68%), Umbria (67%) e Basilicata, Toscana, Piemonte, Valle d'Aosta e Veneto (66%).
 "Nell'attuale scenario economico - commenta Roberto Grasso director & general manager di DAS - oltre ai numerosi contenziosi dovuti al mancato pagamento delle spese condominiali, stanno emergendo nuovi rischi derivanti dalle opere sulle parti comuni incentivate dai bonus, che coinvolgono diversi fornitori e figure professionali, nonché il condominio stesso, come committente dei lavori. Per questo abbiamo pensato di estendere il nostro supporto legale in risposta a queste esigenze, ad esempio in caso di possibili contenziosi con l'Agenzia delle Entrate".

Blocco cessione crediti: 33mila imprese a rischio

Intanto sono trentatremila le imprese artigiane a rischio fallimento e perdita di 150.000 posti di lavoro nella filiera delle costruzioni a causa del blocco della cessione dei crediti legati ai bonus edilizi. A lanciare l'allarme è la Cna (Confederazione nazionale artigianato) sulla base dei risultati di una indagine presso circa 2.000 imprese che rappresentano un campione altamente rappresentativo dei comparti dell'edilizia, delle costruzioni e dei serramenti. 
La Confederazione sollecita il Governo a trovare rapidamente una soluzione per disinnescare una bomba economica e sociale, generata da una serie di provvedimenti normativi che hanno alimentato confusione e profonda incertezza. La Cna stima che i crediti fiscali delle imprese che hanno riconosciuto lo sconto in fattura e non monetizzati attraverso una cessione ammontano a quasi 2,6 miliardi di euro. La consistenza dei crediti bloccati (circa il 15% del totale) sta mettendo in crisi migliaia di imprese.
 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?