Quotidiano Nazionale logo
14 apr 2022

Il vino biologico di Centanni premiato come migliore al mondo

Il Vinitaly riconosce la professionalità della Cantina Centanni premiata come migliore produttrice di vini biologici al mondo col Premio internazionale ‘Wine Without Walls 2022’. Il premio conferma il prestigio nella produzione del settore vitivinicolo a firma della Cantina Centanni, estesa tra Montefiore dell’Aso e il Fermano. È stato conferito da una competente giuria internazionale composta da enologi, critici, importatori e produttori di tutto il mondo. Su 15 vini che la famiglia Centanni ha selezionato a marzo per la partecipazione al concorso, la giuria ha assegnato i migliori punteggi a ben 12 etichette, fino a decretare il meritato Premio, per la somma della qualità di tutti i vini prodotti. L’azienda Centanni, si estende su 50 ettari di terreno interamente coltivato in biologico. Una scelta che risale ad oltre 30 anni fa, quando la coltivazione biologica non era ancora una certificazione agronomica, ma intento di produrre vino nel rispetto della terra e del consumatore. Scelta che risale al fondatore della Cantina Centanni, Giacomo, proseguita dal figlio Mario e sua moglie Franca Perozzi, che oggi affiancano in azienda, i figli Giacomo, Elisa e Daniela. Uniti negli stessi intenti, hanno creduto e investito nel biologico fino ad ottenere le certificazioni da specifico disciplinare, circa dieci anni fa.

"Il ‘Wine Without Walls 2022’ è sinonimo di grande soddisfazione perché tra i premi ottenuti negli anni, questo rappresenta la gratificazione per le scelte ed i sacrifici aziendali fatti nel tempo – commenta Giacomo Centanni – scegliere di coltivare solo in biologico comporta maggiori investimenti a fronte dell’incertezza sull’entità di produzione. Costatare che questi anni sono valsi il riconoscimento internazionale delle giuste tecniche di coltivazione e produzione, riempie la mia famiglia di emozione fondata sulla nostra storia, a partire da nonno Giacomo. Questo lo stato d’animo che condividiamo in nome della cultura del vino".

Paola Pieragostini

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?