Porto Sant'Elpidio (Fermo), 3 settembre 2018 - Erano circa le 3 della notte scorsa quando è scattato l'allarme anti intrusione nello chalet ristorante 'Il Gambero - Settemari' (sul lungomare centro). Il custode notturno dello stabilimento ha subito avvertito i carabinieri del Nucleo Radiomobile di Fermo che si sono subito portati sul posto. Hanno raccolto la testimonianza del custode, riguardo un soggetto di sesso maschile che aveva forzato la porta laterale e aveva tentato, inutilmente, di portare via i soldi dal ricevitore di cassa e altri oggetti di un qualche valore. 

I militari si sono subiti messi sulle tracce del malvivente, individuato mentre in sella a una bicicletta, molto probabilmente oggetto di furto, si trovava a poca distanza dallo chalet. Vistosi braccato, il malvivente ha abbandonato la bici ed ha proseguito la fuga correndo, ma i carabinieri lo hanno raggiunto e braccato e, in seguito ad un convulso intervento, lo hanno bloccato e condotto negli uffici della Compagnia di Fermo.

Essendo sprovvisto di documenti, il malvivente è stato identificato grazie alle impronte digitali (in seguito alla fotosegnalazione): si trattava di un tunisino, di 31 anni, senza fissa dimora, con altri precedenti di polizia.  L'uomo è stato arrestato per tentato furto e sarà processato per direttissima.