+di Stefano Lolli Il primo ciak. Il primo scorcio di Ferrara. Anche se i due protagonisti principali, Anna Valle e Giorgio Pasotti, sono attesi sul set soltanto oggi, l’avvio delle riprese della fiction Rai ’Lea e i bambini degli altri’ ha subito acceso l’attenzione. Ieri pomeriggio la troupe diretta dalla registra Isabella Leoni (nel suo curriculum episodi di ’Un medico in famiglia’, ’La squadra’, ’Il paradiso delle signore’ e ’Questo nostro amore 80’) ha preso possesso della prima location. I portici di via Boccacanale di Santo Stefano, proprio di...

+di Stefano Lolli

Il primo ciak. Il primo scorcio di Ferrara. Anche se i due protagonisti principali, Anna Valle e Giorgio Pasotti, sono attesi sul set soltanto oggi, l’avvio delle riprese della fiction Rai ’Lea e i bambini degli altri’ ha subito acceso l’attenzione. Ieri pomeriggio la troupe diretta dalla registra Isabella Leoni (nel suo curriculum episodi di ’Un medico in famiglia’, ’La squadra’, ’Il paradiso delle signore’ e ’Questo nostro amore 80’) ha preso possesso della prima location. I portici di via Boccacanale di Santo Stefano, proprio di fronte a Casa Cini. E l’angolo tra piazza Sacrati e via Garibaldi, dove in serata è stata girata la seconda scena, ambientata in un locale di kebab.

Ma è per il primo ciak che l’atmosfera si fa elettrica. Protagonisti della scena, due volti molto conosciuti dal pubblico delle fiction: Primo Reggiani, interprete di recente di ’Mina Settembre’ e ’Speravo de morì prima’ sulla vita di Francesco Totti, e la bellissima Rausy Giangarè, che deve la popolarità soprattutto a ’Buongiorno Mamma’. La scena è molto semplice: Reggiani arriva in scooter da via Cortevecchia e sfreccia verso Rausy che, di fronte alla chiesa di Santo Stefano, aspetta l’autobus. L’autobus? Ma come, da almeno vent’anni la linea 5 è stata soppressa. Eppure ecco spuntare la tabella di una fermata Tper, anche se il bus effettivamente non è comparso in scena. Siamo appunto nella fiction, il mondo in cui tutto è possibile; anche che alle tre del pomeriggio il parcheggio pubblico sia completamente vuoto. Anzi, svuotato per esigenze di produzione.

E la Banijay, il colosso che punta molto su questa serie, non sembra aver badato a spese, tanto da pagare la verniciatura della pensilina dell’autobus e il successivo ripristino delle strisce blu del parcheggio. Difficile, dal breve ciak, intuire qualcosa di un copione avvolto nel mistero: si vede che Reggiani arriva davanti a Rausy che gli volta le spalle, quasi a snobbarlo. Poi lui, per strapparle il sorriso, indossa il naso rosso da clown. E poi? Il resto in autunno, quando ’Lea e i bambini degli altri’ arriverà sugli schermi di Rai1. Qualche spunto lo si capirà via via che le riprese continueranno (la troupe sarà in città sino al 24 giugno), anche grazie alle comparse che si alterneranno sul set. Selezionate anche grazie alla collaborazione di Rebecca Bottoni, e subito pronte a rilanciare sui social i propri selfie da divi per un giorno. Anna Valle indossa i panni di Lea, infermiera di pediatria, Giorgio Pasotti incarna il dottor Marco Colomba. Terzo protagonista l’attore e modello turco Mehmet Günsür, fresco del successo de ’La Compagnia del Cigno’. Tante le riprese previste in centro, tra piazze e ristoranti. Selezionato anche un terrazzo di viale Cavour con una spettacolare vista sul Castello, e mille cartoline della città.