Quotidiano Nazionale logo
17 apr 2022

La Via Crucis torna in città dopo l’emergenza pandemica

La prima Via Crucis dopo il lungo stop della pandemia, segnato da un altro capitolo di sofferenza: la guerra in Ucraina. Ed è stato proprio il conflitto nel cuore dell’Europa il fulcro delle parole di Gian Carlo Perego, arcivescovo di Ferrara-Comacchio, l’altra sera. "La Via Crucis che abbiamo celebrato camminando insieme nella città – così Perego rivolgendosi ai fedeli – , sulle sue strade, tra le sue vie ci ha fatto rivivere il cammino di Gesù, con le sue sofferenze, i suoi incontri, la sua morte. Contempliamo il Crocifisso innocente. E il Crocifisso in quest’ora della storia, drammatica e incerta, dove respiriamo la guerra da vicino, dove l’informazione ci fa entrare nelle città distrutte, soffrire con le madri che perdono i figli, camminare con milioni di persone in fuga dell’Ucraina ci ricorda una sola cosa: Tu non uccidere. Tu non uccidere i più deboli. Tu non uccidere i fratelli e le sorelle. Tu non uccidere per difenderti. Tu non uccidere. Uccidere è l’esito della guerra, di ogni guerra, anche di questa guerra in Ucraina: una nuova guerra ingiusta". "Mai più la guerra – ha proseguito – mai più morti innocenti, mai più violenza lo ripetiamo davanti al Crocifisso, in questo Venerdì Santo che unisce al Crocifisso i tanti crocifissi di oggi. Mai più la violenza segni le famiglie e le città. Mai più l’ingiustizia faccia soffrire innocenti".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?