Sedute di riabilitazione a distanza all'ospedale Sant'Anna
Sedute di riabilitazione a distanza all'ospedale Sant'Anna

Ferrara, 25 marzo 2020 -  Webcam e teleconferenza per far continuare la riabilitazione ai pazienti anche a distanza: sono gli strumenti usati dal reparto di Riabilitazione San Giorgio dell’ospedale Sant’Anna di Ferrara con il progetto "Lontani ma vicini" che ha preso il via lunedì scorso.

Con l’arrivo del coronavirus e delle restrizioni nell’accesso ai pazienti esterni e ai familiari, è stato necessario interrompere i trattamenti di riabilitazione riservati ai pazienti esterni ed è stato ridotto drasticamente l’accesso dei familiari ai reparti di degenza. Per cercare di rimanere vicino ai pazienti e alle loro famiglie ed offrire una continuità nella risposta ai loro bisogni, l’ospedale ha attivato la presa in carico del paziente a distanza, attraverso le tecnologie informatiche.

Con una webcam e con software di teleconferenza, gli operatori della riabilitazione si collegano con il paziente per un consulto, monitorare lo stato funzionale e proporre esercizi di mantenimento da fare a casa con supervisione.

A tal fine in questi giorni si è iniziato a contattare i pazienti a cui è stato sospeso il trattamento motorio o cognitivo, che svolgevano presso il Day Hospital e il Modulo di Neuropsicologia della Medicina Riabilitativa, per proporgli di aderire al progetto.
 

Inoltre, per i pazienti ricoverati nelle degenze del reparto di Gravi Cerebrolesioni e medicina Riabilitativa, verranno istituite nei prossimi giorni delle postazioni informatiche per consentire videochiamate con i familiari e poter effettuare le riunioni con il team riabilitativo, all’interno del progetto di riabilitazione previsto. Il San Giorgio si sta anche attrezzando per consentire ai pazienti non autonomi nella gestione dei dispositivi, come quelli con esiti di grave cerebrolesione acquisita, di poter comunicare con i propri cari utilizzando tablet o smartphone, assistiti da personale dedicato.