Quotidiano Nazionale logo
21 apr 2022

"Rilancio del paese, investiremo tre milioni"

È la prima volta che il territorio è interessato da una serie di lavori che vanno dalla scuola alla biblioteca passando da Belriguardo

Il sindaco Paolo Lupini
Il sindaco Paolo Lupini
Il sindaco Paolo Lupini

"Un bilancio sano che si ripropone con una costante, una particolare attenzione verso i bisogni dei nostri cittadini: le tariffe, le aliquote d’imposta rimangono invariate per non gravare ulteriormente sui cittadini già molto provati. Mantenere la rete dei servizi esistenti, ove possibile potenziarli o strutturali in modo più efficace". E’ il filo conduttore del bilancio di previsione del comune di Voghiera tracciato dal sindaco Paolo Lupini, che ha un altro aspetto importante: quasi tre milioni e mezzo di investimenti, un vero record per il giovane comune di Voghiera. Adesso però c’è un problema: poterli spendere.

"In questi anni abbiamo subito un notevole calo del personale – allarga le braccia il primo cittadino - dovuto a pensionamenti o trasferimenti di dipendenti che sono stati in servizio nel comune di Voghiera per oltre vent’anni e il turnover non ha ancora sopperito a tale cessazione. Ancora a oggi il fabbisogno del personale ci vede in grande difficoltà per fare andare a regime la macchina comunale. Ci siamo comunque adoperati, e ci attiveremo in tutti i modi che ci consentono le normative in vigore per coprire i vari servizi". In pratica è andata in pensione attraverso Quota 100 quasi la metà degli effettivi, un problema serio tanto che il sindaco non esclude la possibilità di entrare nell’Unione Valli e Delizie.

"Al momento siamo in associazione con i comune di Ferrara e Masi Torello; l’Unione tra Portomaggiore, Argenta e Ostellato è quella che funziona meglio in provincia, oltre al buon rapporto con gli amministratori e al fatto che ci sarebbero benefici per ottimizzare la macchina comunale. E’ comunque un ragionamento a lungo termine". Per quanto riguarda gli investimenti, si tratta di 3,285 milioni di euro che devono sostenere lo sviluppo del territorio. Sono due i filoni di spesa che fanno la parte del leone. Il primo (1,235 milioni) è destinato all’adeguamento sismico della scuola secondaria di secondo grado. Il secondo (1,740 milioni) è per il progetto di rigenerazione urbana delle ex scuole elementari di Voghiera, che saranno trasformate in Casa di comunità, con il trasferimento degli uffici legati alla sanità e al sociale, compresi gli ambulatori medici, attualmente nel Centro civico.

Una volta completata questa operazione, si provvederà all’ampliamento della biblioteca, al secondo piano del Centro civico. Oltre mezzo milione di euro è destinato al progetto di riqualificazione di Belriguardo, ancorato al Ducato Estense. Si divide in due settori: il primo da 335.800 euro per la sistemazione del parcheggio vicino alle antiche mura rinascimentali e un secondo da 205 mila euro per le Corti (i vialetti d’ingresso e i due voltoni). Inoltre 150 mila euro per la manutenzione dei ponti su condotti consorziali e altri 150 mila euro per nuovi loculi.

Franco Vanini

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?