Vasco Rossi sarà in concerto a Imola il 26 giugno 2020 (Dire)
Vasco Rossi sarà in concerto a Imola il 26 giugno 2020 (Dire)

Imola (Bologna), 16 novembre 2019 – I biglietti per il concerto di Vasco Rossi all’Autodromo, venerdì 26 giugno 2020, saranno nominali. La conferma è arrivata ieri dai canali social di Live Nation, organizzatore dell’atteso ritorno del rocker in riva al Santerno. Lo show all’Enzo e Dino Ferrari sarà dunque il primo, a Imola, a sottostare alla nuova normativa anti-bagarinaggio in vigore dallo scorso 1° luglio. E che riguarda tutti gli eventi musicali con affluenza superiore alle 5mila persone.

Leggi anche Vasco Rossi a Imola, la data e i biglietti

Cosa prevede? Al momento dell’acquisto dei biglietti (la cui vendita inizierà alle 12 di lunedì 18 novembre per gli iscritti al fanclub ‘Il Blasco’ e alle 11 di giovedì 21 per tutti gli altri) bisognerà indicare il nome del titolare di quel tagliando. Che il giorno del concerto dovrà presentarsi all’ingresso munito di carta di identità. Anche se per lo show di Vasco non sono ancora arrivate ulteriori indicazioni, solitamente gli organizzatori danno la possibilità di cambiare, dietro il pagamento di un piccolo corrispettivo, il nominativo sul biglietto. In modo da poterlo cedere, in caso di impegni dell’ultimo minuto, ad amici e parenti. Nei prossimi giorni se ne saprà di più.

Per il momento, da registrare la grande soddisfazione con la quale Formula Imola, società di gestione dell’Autodromo, ha accolto l’ufficializzazione della data del concerto di Vasco all’Enzo e Dino Ferrari. «Ora possiamo pubblicamente sottolineare tutto il nostro orgoglio e la nostra soddisfazione», esulta il presidente Uberto Selvatico Estense. E aggiunge: «Abbiamo ancora negli occhi l’indimenticabile concerto in occasione dell’Heineken Jammin Festival del 1998, una pietra miliare nella storia della musica, e sicuramente anche quello del prossimo anno sarà un evento imperdibile».

L’ufficializzazione del concerto di Vasco, quella dello show di Cesare Cremonini (18 luglio) e quelle che Selvatico Estense definisce «le indiscrezioni su una terza data con un’altra grandissima band internazionale» (vale a dire l’arrivo dei Pearl Jam, forse domenica 5 luglio), secondo il presidente di Formula Imola ribadiscono «quanto sia centrale il ruolo della struttura per attirare sul territorio eventi di caratura internazionale, e non solo di natura motoristica».

La società, dal canto suo, si dice «impegnata a fondo per raggiungere questi obiettivi». Tuttavia, avverte Selvatico Estense, «c’è bisogno di continuare a sostenere istituzionalmente questi successi, anche a dispetto del dissenso di maniera di alcuni comitati e di Legambiente sull’inclusione mal tollerata del circuito nel tessuto urbano della città. Ciò – conclude il presidente di Formula Imola – sarà possibile solo tramite il contributo fattivo di chi finora ci ha sostenuti come la Regione, il Comune, il Con.Ami, le associazioni di categoria, e anche le realtà private, affinché continuino a fare rete, collaborando appieno con l’autodromo, per regalare al territorio un indotto sempre più importante in termini di notorietà, turismo e volano economico».