Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
3 ago 2022
3 ago 2022

"Aree dismesse, la giunta è piena di sognatori"

Carapia (Lega): "Occorrono proposte attive che agevolino davvero i proprietari"

3 ago 2022

"A fantasticare si fa presto e non si spende nulla, ma intanto da quello che si evince non ci sono ancora contatti degni di nota con i proprietari (tranne in sparuti casi come per l’ex macello dove l’iter era iniziato prima dell’arrivo di questi amministratori sognatori). D’altronde, cosa ci si poteva aspettare da chi ha avuto grandi successi con i propri immobili come l’ex Bar Bacchilega e il Colonne?". È l’affondo firmato dal leghista Simone Carapia, che commenta così le dichiarazioni rilasciate ieri al Carlino dall’assessore Pierangelo Raffini in merito alla riqualificazione di alcuni immobili storici del centro oggi nelle mani dei privati.

"Quando l’assessore s’improvvisa agente immobiliare che si adopera per trovare soggetti terzi per acquistare immobili vetusti e da rigenerare, allora direi che abbiamo chiuso proprio il cerchio visto che i costruttori sono di casa a piazza Matteotti", prosegue l’esponente di opposizione. E rilancia: "Prima di spararle grosse bisognerebbe cercare di dialogare seriamente con i proprietari facendo proposte attive (agevolazione della tassazione locale e per la riconversione ecologica) al fine d’invogliare la riqualificazionerigenerazione di questi immobili che al momento risultano essere ‘fabbriche di topi’".

Insomma, quella che arriva dal leghista è una bocciatura su tutta la linea in merito all’operato dell’amministrazione su questo versante. "Dall’assessore Raffini e in generale dalla Giunta Panieri mi sarei aspettato che si fosse già fatta una mappatura delle aree dismesse – aggiunge Carapia –, con contestuale analisi degli elementi ostativi al fine d’attrarre nuovi insediamenti artigianali e commerciali e ingolosire e dare una spinta ai proprietari degli immobili, ma ritengo che questo non sia stato fatto in modo serio e dettagliato". Detto questo, "bisognerebbe cercare di ridare decoro e vivibilità ai troppi punti degradati della città – conclude il consigliere comunale leghista – senza tante fantasticherie".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?