La ragazza viveva da tempo da sola. Ha assunto un mix di farmaci e alcol
La ragazza viveva da tempo da sola. Ha assunto un mix di farmaci e alcol

Castel San Pietro Terme (Bologna), 29 marzo 2020 - La chiamano il male del nostro tempo. La solitudine può colpire tutti, dal primo all’ultimo, anche chi è nel fiore della giovinezza. Potrebbe esserci questo dietro il gesto di una ragazza di Castel San Pietro di 23 anni che l’altro giorno ha tentato di togliersi la vita, ma è stata salvata appena in tempo dagli uomini dell’Arma. Come? Grazie a una provvidenziale telefonata in caserma della madre. Un attimo prima infatti la giovane le aveva mandato un messaggino. Nel testo che aveva affidato al suo cellulare, la 23enne dichiarava apertamente di volerla fare finita.

Leggi anche La situazione nel mondo  Il messaggio di Mattarella  La nuova autocertificazione 

Può portare a tanto la solitudine da Coronavirus? Impossibile dirlo, della ragazza non si conoscono al momento né i trascorsi, né la condizione psicologica in cui si trovava in quel momento. Ciò che è chiaro è che con ogni probabilità voleva lanciare un messaggio, una specie di grido d’aiuto tramutato in un gesto estremo. Da quanto si apprende, la 23enne non vive in casa con la madre, ma da sola. Questo ha fatto sì che potesse iniziare a ingerire una grande quantità di medicinali e bevande alcoliche di ogni tipo. Un vero mix letale, con il quale ha provato a dire addio al mondo.

Fondamentale in questo caso però l’istinto protettivo della madre, che ha allertato immediatamente i carabinieri della stazione di Castel San Pietro. Ci è voluto un attimo perché i militari raggiungessero l’abitazione in tempo, prima che bevande alcoliche e medicinali facessero il loro effetto mortale. Stabilizzate le condizioni della ragazza, in seguito è stata affidata alle cure dei sanitari non in pericolo di vita.

Diversi i casi simili registrati anche nel resto della provincia: a Bologna il protagonista è sempre un ragazzo, per uno scherzo del destino della stessa età della giovane Imolese: 23 anni. Si tratta di uno studente fuori sede rimasto solo in casa dopo il rientro a casa dei coinquilini. Anche in questo caso potrebbe esserci la prolungata solitudine dovuta alla necessita di restare a casa alla base del gesto, e anche in questo caso il giovane avrebbe mandato un triste messaggio d’addio ai genitori.

Grazie al messaggio, la centrale operativa dei carabinieri di Bologna, informata dell’accaduto dai genitori del ragazzo, ha inviato velocemente una pattuglia verso l’abitazione del giovane che è stato salvato e trasportato al pronto soccorso per gli accertamenti del caso. In merito all’episodio, l’Arma ricorda che il numero unico di emergenza 112 è a disposizione della cittadinanza a qualsiasi ora del giorno e della notte per raccogliere richieste di aiuto, che in certi casi può anche salvare una vita. "Gli operatori delle centrali operative dell’Arma del Comando Provinciale di Bologna che rispondono al numero unico di emergenza 112 in base alla provenienza della chiamata, sono giovani motivati, in grado di fornire un dialogo umano a chi sta vivendo una fase di profonda crisi e ha pensieri suicidi", fanno sapere proprio dai carabinieri.