Ecco il rendering al computer della nuova area verde
Ecco il rendering al computer della nuova area verde

Imola, 12 settembre 2018–Via libera della Giunta, almeno dal punto di vista della fattibilità tecnico-economica, al progetto di «rigenerazione ambientale» di Pontesanto. Da tempo atteso dai residenti, l’intervento da oltre 760mila euro riguarda un’area di circa 14mila metri quadrati a margine della più recente zona residenziale del quartiere, delimitata a ovest dalla via Farolfi, a est dalla via della Cooperazione, a nord dalla via Mazzanti e a sud dalla linea ferroviaria Bologna-Rimini.

Il progetto, che riprende quanto già contenuto nell’ultimo Piano operativo comunale, è inserito nel documento contenente la «Strategia per la rigenerazione urbana» della città, pure quello approvato in questi giorni dalla Giunta. E prevede innanzitutto la realizzazione di un parco sistemato a verde attrezzato nell’area più vicina alle abitazioni, e destinato invece a bosco nella parte adiacente la viabilità principale. In programma, inoltre, la realizzazione di posti auto lungo via Farolfi in modo da permettere l’utilizzo dell’area verde in questione e, al tempo stesso, adeguare la disponibilità di parcheggio alle esigenze della zona residenziale. Infine, ci sarà posto anche per il collegamento ciclopedonale tra le vie Mazzanti e Di Vittorio, realizzando le rampe a est e a ovest di via della Cooperazione e mettendo in funzione il sottopasso già predisposto sotto quest’ultima arteria.

L’intervento riguarderà le annualità 2019 e 2020. E’ cofinanziato con 157mila euro da Hera, in ossequio alla convenzione del 2007 relativa alla centrale di cogenerazione. Al di là dell’impegno economico dell’azienda, il Comune dovrà metterci circa 308mila euro di tasca propria, derivanti dagli introiti dovuti alla monetizzazione del verde pubblico in interventi disciplinati dal Rue. I restanti 295mila euro l’amministrazione conta invece di incassarli dalla partecipazione al bando per la rigenerazione urbana approvato della Regione ad aprile e la cui scadenza è fissata per il 17 settembre.

 

Come si diceva all’inizio, il progetto fa parte di quel documento intitolato «Strategia per la rigenerazione urbana» uscito in questi giorni dal Comune e che riguarda in particolare la zona nord della città. Tra gli interventi previsti di qui al 2023, oltre alla «rigenerazione ambientale» dell’abitato di Pontesanto, figurano anche l’atteso sottopasso ciclopedonale nel quartiere Marconi (1,5 milioni dei quali buona parte in arrivo dal ‘Bando per le periferie’), il completamento della pista ciclopedonale di via Di Vittorio (150mila euro circa a carico del Comune) e la sistemazione delle vie del Lavoro e Cesena.