Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
24 mag 2022

Vasco a Imola, il Comune: "Regalerà a Imola uno spettacolo mai visto"

L’assessora Elena Penazzi è pronta al suo 47° concerto del Komandante, il primo da quando è in Comune. "Qui la viabilità è migliore di quella di Trento"

24 mag 2022
enrico agnessi
Cronaca
featured image
Concerto di Vasco a Imola, il Kom torna in autodromo
featured image
Concerto di Vasco a Imola, il Kom torna in autodromo

Imola, 24 maggio 2022 - A Trento ha vissuto il suo 46esimo concerto ("Un numero molto caro anche all’altro Rossi") del Blasco. E ora si prepara, assieme a quasi 90mila persone tra cui migliaia di imolesi, a rivedere il Komandante in città. Per Elena Penazzi sarà però uno show dal sapore evidentemente inedito, quello di sabato 28 maggio, visto che si tratta della sua prima volta da assessore all’Autodromo. E dunque la spensieratezza della fan lascia il posto in questi giorni alle preoccupazioni dell’amministratore comunale per un appuntamento che aprirà la grande stagione della musica dal vivo in riva al Santerno.

Leggi anche Tutto quello che c'è da sapere sul concerto - Concerto Vasco Imola 2022, come sarà il palco

Assessore Penazzi, che impressione le ha fatto il concerto di Trento?

"Sono stata lì giovedì scorso non in veste pubblica, ma solo per vedere le prove generali riservate al Blasco fan club. È stato il mio concerto numero 46. Imola si aspetti un grande spettacolo, con un Vasco più in forma di quello che si è esibito qui l’ultima volta, nel 2005. È più maturo, accompagnato da una band fantastica e capace di fare suoni incredibili e con tecnologie che 17 anni fa non c’erano. Uno show di livello internazionale che ricorda le atmosfere di Modena Park e richiama il bisogno di pace".

Errori visti, dal punto di vista dell’organizzazione dell’evento, da non ripetere?

"Bisognerà fare grandissima attenzione all’arrivo e al deflusso degli spettatori in Autodromo, ma la nostra situazione rispetto a quella di Trento è ben diversa. Noi siamo fortunati, perché il circuito è vicino alla stazione e alla città. La mobilità non è solo su quattro ruote, ma anche in treno. E i parcheggi non si trovano a vari chilometri di distanza dal luogo del concerto, come accade invece lì. Non è certo colpa loro, però: parliamo di un posto incantevole in mezzo alle montagne. E dunque senza alternative. Qui dal punto di vista logistico abbiamo un vantaggio rispetto ad altri posti che ci viene riconosciuto da chi organizza i concerti".

Da giorni gli operai sono sulla collina della Rivazza per ripristinare le sedute dopo la Formula 1 e sono in arrivo i primi tir per l’allestimento del paddock. A che punto sono i lavori?

"Sarà ovviamente tutto pronto in tempo per il concerto. Tra l’altro, avremo lo stesso palco di Trento. Quando l’ho visto per la prima volta, ho pensato: ‘Ma da noi ci starà?’. Quei maxi-schermi li vedranno anche a Faenza. E sarà bello vederci proiettate le immagini dei portici di Bologna, dove Vasco ha ambientato uno dei suoi ultimi video...".

Anch e Imola però si aspetta un omaggio dal Komandante. Il concerto del 1998 in Autodromo rappresentò un punto di svolta nella sua carriera...

"Credo sia davvero molto legato alla nostra città. E che Imola per lui voglia dire qualcosa. In questi giorni, abbiamo preparato un video per celebrare il ritorno di Vasco e anche per esaltare le bellezze che si troveranno di fronte i fan che arriveranno qui sabato. Speriamo venga apprezzato...".

Imola sul palco di Vasco ha un ambasciatore d’eccezione come il bassista Claudio ‘Il Gallo’ Golinelli...

"È in forma splendida. A Trento ha ricevuto una grande ovazione quando è salito sul palco per fare la parte dello show che lo vede protagonista".

Sul versante dell’accoglienza, tanto resta ancora da fare. Quest’anno per esempio, rispetto a quanto accadeva per gli altri concerti, non è stato allestito il grande campeggio da duemila posti alle Acque minerali ed è rimasto solo quello per 500 persone in via Tiro a segno. Avrebbe garantito buone entrate anche al Comune...

"Dobbiamo migliorare e vogliamo lavorarci. Il turismo camperistico è un qualcosa di assolutamente attuale che va intercettato anche nel prossimo futuro".

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?