Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
18 giu 2022

"Duplice omicidio, il Comune parte civile"

L’amministrazione di Castelfranco annuncia che parteciperà al processo "Una tragedia che deve concretizzarsi in azioni, a partire dalle scuole"

18 giu 2022

di Valentina Reggiani

Sono state effettuate ieri le autopsie sui corpi di mamma e figlia, Gabriela e Renata Trandafir vittime del terrificante duplice femminicidio di Cavazzona di Castelfranco. La Procura ha nominato i periti giovedì e ieri, appunto, è iniziato l’esame autoptico che probabilmente determinerà da quanti colpi d’arma da fuoco siano state attinte le donne. La causa del decesso è purtroppo tristemente nota. Le parti, ovvero l’avvocato Marco Rossi per l’indagato Salvatore Montefusco e il legale Annalisa Tironi per la famiglia delle vittime non hanno nominato consulenti. I periti della Procura si pronunceranno tra novanta giorni. Giovedì mattina l’assassino delle due donne, Salvatore Montefusco, nei confronti del quale è stato confermato l’arresto e disposto il carcere, aveva ripercorso nell’interrogatorio di garanzia tutti gli attimi dell’agghiacciante mattanza nel giardino della villetta di Cavazzona. Il 69enne ha spiegato di aver ricaricato il caricatore del fucile a canne mozze almeno due volte – contiene quattro proiettili – sparando contro le due vittime, appunto, otto colpi. L’ex imprenditore edile ha sottolineato di aver afferrato l’arma dopo che Gabriela e Renata, di ritorno dal proprio legale, in vista dell’udienza della separazione, gli avevano fatto presente che presto se ne sarebbe dovuto andare da quella casa. Dopo di che – con una lucidità ‘spaventosa’ – Montefusco ha raccontato di averle rincorse in cortile per poi sparare ad entrambe. Renata sarebbe stata attinta dall’ultimo e terzo colpo alla testa mentre cercava di fuggire nel giardino del vicino. Nelle prossime ore le salme delle vittime saranno probabilmente liberate e restituite alla famiglia per poi dare loro degna sepoltura.

Intanto ieri il Comune di Castelfranco ha annunciato che sarà parte civile al processo per il duplice omicidio di Gabriela Trandafir e della figlia Renata Alexandra. Il Consiglio comunale, infatti, nella seduta di giovedì ha approvato all’unanimità la decisione, sottoscritta in fase di presentazione da tutti i Gruppi. Come evidenziato nell’ordine del giorno, si tratta di "una tragedia familiare che colpisce da vicino la nostra comunità e che scuote le nostre coscienze nell’impegno comune per il contrasto alla cultura della violenza e della violenza di genere, ovvero quella perpetrata ai danni delle donne, come manifestazione discriminatoria ed espressione più grave di relazioni di potere diseguale tra uomini e donne. Una tragedia che deve ancora di più concretizzarsi in azioni, per quanto di competenza dell’ente locale, all’interno delle scuole e nella comunità, per l’eliminazione di tutte le forme di discriminazione contro le donne, in quanto lesive dei diritti umani, della libertà, della dignità e dell’inviolabilità della persona". Il comune fa sapere che devolveà poi l’eventuale risarcimento a sostegno delle azioni di prevenzione contro violenza sulle donne.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?