Fabrizio Corona aveva avuto brutti presagi dalla sua cartomante (Imagoeconomica)
Fabrizio Corona aveva avuto brutti presagi dalla sua cartomante (Imagoeconomica)

Modena, 12 ottobre 2016 - E’ inseguita da tv e giornali di gossip perché lei, Mary Rea, in arte Egizia, fa parte della nuova vita di Fabrizio Corona. Quella vita che l’ex paparazzo dei vip si è costruito con la modenese Silvia Provvedi delle ‘Donatella’ e che nei giorni scorsi è di nuovo caduta sotto i colpi di piccone delle forze dell’ordine che hanno portato alla luce - nel controsoffitto della casa della sua collaboratrice a Milano - un tesoro da oltre 1 milione e 700mila euro in contanti che gli sono costati ancora una volta il carcere con l’accusa di intestazione fittizia di beni. Egizia, cartomante con studio a Modena, ha infatti conosciuto Corona alcuni mesi fa.

Egizia, come è diventata amica di Corona?

«Tramite Silvia Provvedi delle ‘Donatella’. Lei è una mia cara amica, ogni tanto si fa leggere le carte così quando Fabrizio veniva a Modena con lei mi chiedeva di interpretare le carte anche per lui».

Come ha reagito alla notizia del nuovo arresto?

«Me lo aspettavo. E anche lui se lo aspettava. L’ultima volta che gli ho letto le carte era a fine settembre quando è venuto come ospite a Rubiera al locale ‘Mattarello’. Prima della discoteca siamo andati tutti a cena. Nel caso di Fabrizio, ho visto una perdita economica e di nuovo problemi con la giustizia. Questa cosa lo aveva turbato per tutta la serata. Anche a me era dispiaciuto molto dargli questa brutta notizia».

Chi è il Fabrizio Corona che conosce lei e con cui si è scattata varie fotografie?

«Per me è una persona meravigliosa, credo che davvero fosse sulla buona strada per cambiare vita. Non ha fatto in tempo a sistemare le cose. Stava cambiando, è innamoratissimo di Silvia e temeva molto il carcere. Non è il bullo che sembra, sotto certi aspetti è una persona fragile».

Perché Fabrizio si rivolgeva a lei?

«Voglio precisare che io non sono assolutamente una maga, ma una cartomante. Non faccio magie ma interpreto il linguaggio delle carte, per me è come leggere minuziosamente un libro, vedo gli eventi che possono accadere. Alcuni eventi non si possono cambiare ma la maggior parte delle volte ci sono due strade da poter percorrere. Il mio compito è di consigliare quale via intraprendere. Le carte sono nostre consigliere. Fermo restando che il libero arbitrio resta sempre della persona».

Quindi lei per Corona era una sorta di consigliera...

«Sì, e stava capendo che cosa correggere della sua vita, se solo avesse avuto un po’ più di tempo avrebbe dimostrato a tutti chi è ora».

Come vede il futuro?

«Sono certa che si riscatterà, diventerà un uomo nuovo, un padre presente, un compagno per la sua donna e un carissimo amico. E’ un ragazzo bisognoso di affetto, alla ricerca di amici veri».