Farmacia comunale, al via la riqualificazione

Maranello, nei locali di piazza Amendola lavori di ampliamento. L’esercizio chiude tre giorni.

Farmacia comunale, al via la riqualificazione

Farmacia comunale, al via la riqualificazione

Via ai lavori di riqualificazione della Farmacia comunale di Maranello, in Piazza Amendola, dove i locali verranno ampliati e riorganizzati. L’intervento comporterà la chiusura dell’esercizio per tre giorni, da domani a sabato compresi, ma a partire da lunedì nei locali di fianco all’attuale farmacia l’attività riprenderà regolarmente. Il restyling prevede, oltre all’ampliamento dei locali, anche la realizzazione di aree attrezzate più confortevoli e rispettose della privacy. Il progetto prevede la creazione di un’area dedicata alle prenotazioni, di un’area di attesa e di due nuove salette: una per i piccoli test e i monitoraggi - ad esempio per misurare la pressione - e l’altra, più spaziosa, che andrà ad ospitare i nuovi servizi al cittadino. L’intervento comporterà inoltre il rifacimento degli impianti, della tinteggiatura, dei controsoffitti e dell’illuminazione, ai quali si aggiungerà un rinnovo degli arredi funzionale ad un’esposizione più chiara e ordinata dei prodotti, finalizzata a migliorarne anche visivamente la separazione per tipologie. E tra le novità portate dal progetto ci sarà anche la realizzazione di un ‘locker’, una sorta di ‘armadietto’ digitalizzato che darà la possibilità di ritirare farmaci H24 anche dall’esterno dell’esercizio, dunque anche negli orari di chiusura al pubblico. "Nei prossimi anni le farmacie continueranno ad ampliare i loro servizi, consolidando ulteriormente il loro ruolo in una rete socio-sanitaria che necessita di punti di riferimento sempre più capillari sul territorio: questo intervento va porprio in quella direzione", spiega Luigi Zironi, sindaco di Maranello, mentre il vicesindaco Chiara Ferrari evidenzia come "il ripensamento e l’ampliamento degli spazi consentirà al personale una migliore organizzazione del lavoro, sia ‘dietro le quinte’ che nel rapporto diretto con gli utenti".