Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
16 mag 2022

"Il capolavoro rinato segno di ripartenza"

Il dipinto del Guercino era stato salvato 10 anni fa nella chiesa del seminario di Finale ed è stato restaurato. Ora attende il ritorno a casa

16 mag 2022
stefano marchetti
Cronaca

di Stefano Marchetti La Vergine è assisa sulle nubi e il Bambino, paffuto e dolcissimo, sta sulle sue ginocchia. In basso San Lorenzo li osserva e li implora a mani giunte. Sullo sfondo, una veduta sembra echeggiare paesaggi romani. "Questo dipinto è straordinario anche per la sua resa materica, quasi tattile", osserva Simona Roversi, direttrice dell’ufficio Beni culturali dell’arcidiocesi di Modena. "L’eleganza della composizione è strabiliante", aggiunge il restauratore Daniele Bizzarri. A quasi dieci anni dal terremoto che devastò la Bassa, ieri pomeriggio all’abbazia di Nonantola è stata salutata la ‘rinascita’ di un capolavoro del Guercino, il grande quadro con la Madonna, il Bambino e San Lorenzo, proveniente dalla chiesa del Seminario di Finale Emilia. "È un segno di ripartenza", dice la dottoressa Roversi. In seguito al sisma, infatti, il dipinto – che fortunatamente si era salvato dalle peggiori distruzioni – è stato trasferito per sicurezza al Museo diocesano e benedettino di Nonantola dove è tuttora esposto. Cinque anni fa è stato trasportato anche al Palazzo Farnese di Piacenza per la mostra su Guercino fra sacro e profano. Grazie ai fondi provenienti dall’8 per mille per la Chiesa cattolica, nei mesi scorsi la tela è stata sottoposta a un accurato e puntuale restauro, iniziato prima del lockdown. Fu lo stesso Guercino, in una lettera del 1638, a rivelare che 14 anni prima, al ritorno da Roma, aveva realizzato il dipinto per la chiesa di Sant’Agostino del Finale, su commissione di Giovan Battista Mirandello che l’aveva posta nell’altare di famiglia. A San Lorenzo del resto era dedicata la chiesa più antica di Finale, testimoniata già nel 1009. Il dipinto del Guercino dunque nacque nel 1624, quasi quattro secoli fa. "Lo caratterizza un intenso dialogo mistico – fa notare Simona Roversi –. C’è veramente uno scambio meraviglioso di sguardi e di posture: ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?