Incidente sull'A1 tra Casalpusterlengo e Lodi
Incidente sull'A1 tra Casalpusterlengo e Lodi

Modena, 4 gennaio 2019 – Si chiamava Slavomir Andrees Lombardi, 28 anni di Castelnuovo Rangone, il giovane che ha perso la vita ieri in A1 tra Lodi e Casalpusterlengo, in un maxi incidente causato dal passaggio di alcuni cinghiali. Si sono registrati anche dieci feriti, tra i quali un quarantenne di Lecce, ancora ricoverato in Rianimazione all'ospedale di Parma, e la fidanzata di Slavomir.

Oggi, il ministro delle infrastrutture Danilo Toninelli ha ispezionato il tratto dell'autostrada: “Appena arrivato mi sono reso conto di una seconda falla nella rete autostradale”,, ha detto il ministro che ha chiesto verifiche all'Ufficio ispettivo territoriale di Milano. “So che ci sono delle barriere protettive molto più sicure con dei basamenti in cemento che non permettono a un animale di scavarci sotto. E anche più alte - ha aggiunto - Questi, secondo me, sono i livelli di sicurezza minimi che devono essere garantiti”.

Il ministro Tolinelli sul luogo del pauroso incidente

“I gestori delle autostrade devono garantire la sicurezza e la percorribilità dedicando cura e attenzione alla manutenzione delle protezioni ai margini della strada, tenendo conto che la presenza dei cinghiali e delle specie nocive è in crescita esponenziale da circa un decennio”, gli fa eco Gian Domenico Tomei, presidente della Provincia di Modena. “l cordoglio e il dolore che esprimiamo ai familiari - aggiunge - deve essere accompagnato da una seria riflessione su come migliorare gli interventi di controllo sulla fauna selvatica perché la presenza di animali sulle strade a grande percorrenza preoccupa sempre di più anche nel modenese”.