A destra Pasquale  Concas
A destra Pasquale Concas

Modena, 9 ottobre 2019 – Ventiquattro anni di carcere. Questa la sentenza di primo grado arrivata in tribunale a carico di Pasquale Concas.

Il 51enne originario di Osilo (Sardegna), e residente nella nostra provincia, è stato condannato con il rito abbreviato, per l’omicidio di Arietta Mata, prostituta ungherese di 24 anni, trovata morta nel gennaio 2018 lungo il tratto ferroviario di Gaggio. Concas ha già scontato una condanna per l’omicidio di Loredana Gottardi, donna uccisa a Olbia negli anni Novanta.

Sempre in città è indagato per la morte dell’avvocato Elena Morandi, trovata morta nella sua abitazione a seguito di un incendio in città a fine settembre 2017. La condanna di primo grado a carico dell’uomo, dal giudice Andrea Romito, è per omicidio volontario e rapina. «Ovviamente dobbiamo leggere le motivazioni – spiegano gli avvocati di Concas, Roberto Ricco e Marco Pellegrini – per capire il percorso fatto dal giudice per arrivare alla condanna. Sia per quel che riguarda il movente, sia per i nostri periti informatici e medico-legali, per noi ci sono prove contraddittorie, anche rispetto alla stesa dinamica dei fatti. Faremo sicuramente appello».