Ha bussato alla sua porta fingendosi un vicino e, con la scusa di chiedere qualcosa da bere, l’ha spinta all’interno dell’appartamento poi, immobilizzandola, ha iniziato a baciarle il collo proponendole un rapporto sessuale. La prontezza della vittima, però, ha evitato il peggio: la donna è riuscita a spingere fuori dalla porta l’aggressore e a chiamare i carabinieri. E’ stato convalidato ieri dal giudice l’arresto nei confronti di un marocchino di 31 anni, già noto alle forze dell’ordine e accusato di tentata violenza sessuale. Nei confronti dello straniero – trovato anche in possesso di otto grammi di cocaina – sono stati disposti gli arresti domiciliari presso l’abitazione del fratello. Il pm De Santis aveva invece richiesto la custodia cautelare in carcere. L’episodio è avvenuto mercoledì in una palazzina della Frazione di Rivara di San Felice dove il giovane – domiciliato a Massa Finalese – si era recato pare per fare visita ad alcuni amici.