Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
14 giu 2022

Fabio Ridolfi, sei ore per morire dopo l’iniezione

La sedazione profonda ieri mattina alle 9 nella sua casa, alle 17,23 il decesso. Fino all'ultimo ha fatto battute sulla Roma, il saluto del capitano Lorenzo Pellegrini

14 giu 2022
alessandro mazzanti
Cronaca

Ha retto solo sei ore, dopo l’iniezione che faceva cominciare la sedazione profonda. Fabio Ridolfi aveva un fisico talmente debilitato che ieri mattina non ha retto l’antidolorifico e il sedativo che l’equipe di medici gli ha somministrato, intorno alle 9, nella sua casa della frazione di San Silvestro di Fermignano. L’equipe era composta da due medici e un’infermiera: uno dei due medici era Carlo Brunori, medico palliativista dell’hospice di Fossombrone. Attorno al letto di Fabio tutta la sua famiglia riunita, ieri era davvero l’ultima volta: tra di loro anche la sorella Simona che era tornata dall’Irlanda, ed era già presente alla sera di addio, la domenica precedente, nella piazza Garibaldi di Fermignano. Fabio ha vissuto ancora per poco più di sei ore. L’epilogo alle 17,23, quando il respiro si è fermato, poi la constatazione del decesso fatta dai medici. Fabio Ridolfi funerale, l'addio in cattedrale a Fermignano La famiglia comunica la sua morte alla sera, con il comunicato dell’associazione Coscioni. Dice che i funerali saranno fatti in forma privata e chiede rispetto per la sua privacy. Fabio è stato capace di fare battute fino all’ultimo, sulla sua Roma, su Mourinho. Era quasi sereno, nonostante fosse lì vicino a morire, forse perchè stava raggiungendo quello che lui voleva: smettere di soffrire. Era convinto, come ha dimostrato con i suoi messaggi scritti col puntatore oculare nei giorni scorsi. L’associazione Coscioni, che assisteva Fabio e la famiglia da mesi, non ha mancato di lanciare accuse, tramite l’avvocato Filomena Gallo e Marco Cappato: "Fabio Ridolfi è morto senza soffrire, dopo ore di sedazione e non immediatamente come avrebbe voluto". Ha detto il suo medico storico, Giorgio Cancellieri, ora consigliere regionale della Lega, ma già sindaco di Fermignano e amico intimo della famiglia Ridolfi: "Voglio fare un plauso a lui e alla sua famiglia che ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?