Rimini, 1 settembre 2017 - Valentino Rossi è stato operato all'ospedale Torrette di Ancona (e non a quello di Rimini come era stato detto nella nottedopo l'incidente avvenuto durante l'allenamento su strade di montagna, nel comune di Borgo Pace. Il campione di Tavullia nella caduta si è fratturato  tibia e perone della gamba destra. Dopo il primo soccorso e le prime cure del caso presso l'ospedale di Urbino (FOTO), Valentino Rossi è stato quindi trasferito ad Ancona. Con lui ci sono la mamma Stefania Palma e  il fratello Luca Marini.

Per Rossi sfuma così la rincorsa al Mondiale della MotoGp: l'assenza sarebbe di almeno 50 giorni e lo costringerebbe a saltare perlomeno due gare, Misano (10 settembre) e Aragon (24 settembre). Già il 25 maggio scorso Rossi era incorso a un incidente durante un allenamento, infortunandosi al torace facendo motocross a Cavallara, vicino a Tavullia. L'infortunio di giovedì è molto simile a quello del 2010 quando cadde nelle libere al Mugello procurandosi la rottura scomposta ed esposta di tibia e perone della gamba destra. Ritornò alle gare in luglio in Germania dopo soli quaranta giorni.

Il trasferimento nell'Ortopedia dorica, nel reparto del primario Pascarella, è avvenuto nella notte. Ai cronisti era stato detto che Valentino da Urbino era stato portato a Rimini: un 'depistaggio' a quanto pare voluto, per mantenere la privacy del pilota.

Rossi ha parlato anche con papà Graziano che aveva subito raccontato: "L'ho sentito, la gamba gli fa molto male e Valentino non è ottimista...è un casino". E ancora: "Dovrebbe arrivare un comunicato della Yamaha. So che gli devono ancora fare una lastra e temono che ci sia una frattura. Per fare la radiografia dovranno tagliare lo stivale, e Valentino mi ha detto che sente molto male".

E dopo le 22.30 di giovedì era arrivata una breve nota Movistar Yamaha in cui il team aveva confermato che il pilota era rimasto "coinvolto in un incidente durante un'attività di allenamento in enduro vicino alla sua città" e che era "stato condotto all'ospedale civile di Urbino per un controllo". Dal team si era inoltre precisato che "Valentino Rossi è lucido e cosciente" e che gli accertamenti erano ancora in corso.

Poco dopo la mezzanotte  un'altra nota del team in cui c'era la conferma della "frattura della tibia e del perone della gamba destra" e in cui si comunicava che il pilota sarebbe stato "sottoposto al più presto intervento chirurgico".

Update: @ValeYellow46 sustained displaced fractures of the tibia & fibula in his right leg: https://t.co/J4cdJydDhu #MovistarYamaha #MotoGP pic.twitter.com/9XNTRqpeIL

Da tutto il mondo dello sport sono arrivati i messaggi di incoraggiamento per il campione di Tavullia. "Anche in un giorno difficile, ti immagino
grintoso e appassionato. Dai Vale, ti aspettiamo più determinato che mai". Ha scritto su Twitter il presidente del Coni, Giovanni Malagò. 

"Faccio un sincero in bocca al lupo a Valentino Rossi sperando non sia così grave. Capisco il dolore, mi dispiace per lui e per il suo campionato". E i messagio via Twitter  di Max Biaggi, vecchio 'rivale' di Valentino Rossi

Notizia in aggiornamento