Quotidiano Nazionale logo
11 gen 2022

Anziano morto a Faenza, indagata l’amica di famiglia

Il pm D’Aniello ha aperto un fascicolo per maltrattamenti a carico di una vicina di casa dell’84enne faentino deceduto

andrea colombari
Cronaca
Dalla relazione dell’esame autoptico si capirà se, ed eventualmente come, l’anziano sarebbe stato maltrattato
Dalla relazione dell’esame autoptico si capirà se, e come, l’anziano sarebbe morto

A metà marzo ci sarebbe dovuta essere l’udienza preliminare relativa al fascicolo aperto per circonvenzione dopo la denuncia presentata da uno dei figli un paio di anni fa. L’anziano protagonista della vicenda – un 84enne faentino – è però morto poco prima dell’Epifania in circostanze che la procura di Ravenna intende ora chiarire. Tanto che il pm Cristina D’Aniello ha aperto un fascicolo per maltrattamenti a carico di quell’amica di famiglia – una ultracinquantenne vicina di casa difesa dall’avvocato Laerte Cenni – per la quale erano stati chiesti chiarimenti nell’ambito appunto della vicenda di lamentata circonvenzione. È in questo solco che sabato scorso il pm ha affidato l’autopsia al medico legale Donatella Fedeli: nell’occasione, oltre all’indagata, è stato avvertito anche il figlio del defunto tutelato dall’avvocato Nicola Montefiori il quale ha dato incarico al medico legale Matteo Tudini. Si attende ora la relazione conclusiva dell’esame autoptico per capire se davvero, ed eventualmente come, l’anziano sarebbe stato maltrattato. Secondo quanto finora emerso, l’indagata in passato aveva lavorato nei campi degli anziani coniugi - il defunto e la moglie - come bracciante: ne era nato un legame nell’ambito del quale i tre si erano sempre tenuti in contatto. Tanto che la donna nell’ultimo periodo continuava ad aiutare i due in varie incombenze domestiche come portare la spesa e fare le pulizie in casa. Uno dei figli a un certo punto aveva tuttavia presentato denuncia per circonvenzione temendo che la donna si potesse essere appropriata di cospicue risorse economiche dei genitori approfittando del loto stato: per i due era di conseguenza scattata l’amministrazione di sostegno, procedura istituita per tutelare quelle persone che, a causa di un disagio personale, si trovino nell’impossibilità di provvedere ai propri bisogni. Una storia nella storia questa: inizialmente i due coniugi avevano presentato nel 2019 una denuncia per maltrattamenti ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?