Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
16 lug 2022

"Lei era pienamente in sé Ecco perché non fu uno stupro"

Rapporto sessuale filmato dopo una serata alcolica: secondo i giudici la ragazza aveva interagito. Si era cioè ripresa dopo l’ubriacatura dell’una, tanto che il contatto risale alle 4.22

16 lug 2022
Serata alcolica con rapporto sessuale filmato: per i giudici non fu violenza
Serata alcolica con rapporto sessuale filmato: per i giudici non fu violenza
Serata alcolica con rapporto sessuale filmato: per i giudici non fu violenza
Serata alcolica con rapporto sessuale filmato: per i giudici non fu violenza
Serata alcolica con rapporto sessuale filmato: per i giudici non fu violenza
Serata alcolica con rapporto sessuale filmato: per i giudici non fu violenza

Al momento di quel rapporto sessuale filmato da uno dei presenti, la ragazza si era dimostrata "pienamente in sé, e quantomeno in grado di esprimere validamente un consenso". Cosa che "ha fatto in particolare con la mimica e la gestualità". Attraverso le motivazioni depositate, il collegio penale ha spiegato l’assoluzione pronunciata l’8 febbraio 2022, "perché il fatto non costituisce reato", dei due giovani imputati per violenza sessuale di gruppo per induzione con abuso delle condizioni della vittima, una 18enne che aveva bevuto diversi bicchieri tra vino e superalcolici. Si tratta di un 25enne che aveva avuto il rapporto (è difeso dagli avvocati Carlo Benini e Silvia Brandolini) e di un 27enne di origine senegalese che aveva immortalato la scena (avvocati Raffaella Salsano e Francesco Papiani). Per i due, sulla scorta delle indagini della polizia, il pm Angela Scorza aveva chiesto nove anni di reclusione a testa. Solo una delle ragioni che, alla luce invece dell’assoluzione, avevano portato a numerose polemiche con addirittura un corteo fin sotto alla finestre del tribunale. La vicenda era maturata la notte tra il 5 e il 6 ottobre del 2017: la 18enne era stata portata a spalla fino a un appartamento del centro dopo una serata alcolica in un locale della zona. E poi caffè, docce, conati, i rapporti sessuali filmati con il cellulare e, qualche giorno dopo, la visita in pronto soccorso con la denuncia in questura. Per quanto accaduto quella notte, le motivazioni a firma del presidente della corte Cecilia Calandra, hanno definito insussistente la "condotta compartecipativa ascritta" al 27enne: la sua azione è stata bollata come "deprecabile e rozza", ma filmare la 18enne sia sotto la doccia che durante il rapporto con il 25enne, "non può considerasi condotta agevolativa della violenza sessuale in contestazione" né risulta che il giovane avesse "impedito a una testimone di ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?