Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
16 lug 2022

Pronto soccorso Ravenna, mancano i medici. Carradori: "Il governo ci aiuti"

Il direttore dell’Ausl chiede che si assumano misure straordinarie: "La situazione non è più gestibile Le attese superano abbondantemente le 10 ore e i pensionamenti peggiorano le cose"

16 lug 2022
sara servadei
Cronaca
Il nostro Pronto soccorso. In alto il direttore Ausl Tiziano Carradori
Il nostro Pronto soccorso
Il nostro Pronto soccorso. In alto il direttore Ausl Tiziano Carradori
Il nostro Pronto soccorso

Ravenna, 16 luglio 2022 - Lunghe attese per gli utenti, superlavoro per gli operatori. Le difficoltà dei Pronto soccorso, dove la mancanza del personale medico si fa sentire in modo più marcato, sono purtroppo note. E Tiziano Carradori, direttore dell’Ausl Romagna, non le nega. Carradori, quanti medici mancano nei Pronto soccorso della Romagna? "La dotazione organica è di circa 200 persone, 199 per la precisione tra dipendenti, personale che ha un rapporto di collaborazione e liberi professionisti. Ne mancano circa 44. Tra questi 15 sono in corso di assunzione e dovrebbero prendere servizio entro la fine dell’estate". C’è stato un concorso? "Abbiamo espletato il sesto in 2 anni per il Pronto soccorso. In 35 anni di carriera mai mi era capitato di fare 6 concorsi in 2 anni per la stessa disciplina. Sono tornato in Ausl Romagna nel 2020 e ho lanciato tante volte l’allarme sui pochi medici". Quali le possibili soluzioni? "Servono misure straordinarie, non possiamo aspettare i frutti del raddoppio delle borse di studio, altri 5 anni. Subiamo gli effetti dei pensionamenti perché i medici italiani sono i più anziani dei Paesi Ocse: la media è 56/57 anni. Chi si occupa di programmazione nazionale non può non averne contezza". Nel frattempo l’Ausl come sta affrontando la situazione? "Ho preso decisioni tampone, e io sono il primo a saperlo. Tra queste ci sono le disposizioni di servizio, in modo che dai reparti ospedalieri possa esserci un aiuto per il Pronto soccorso". In passato aveva affermato l’esigenza di assumere medici laureati senza specialistica. È un’idea che sostiene tuttora? "Certo. Questa situazione richiede il ricorso a strumenti straordinari che solo chi legifera può adottare. Un laureato in Medicina è per legge abilitato all’esercizio della professione, in condizioni di urgenza deve poter essere assunto. La strutture private accreditate possono assumerli, il pubblico no. ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?