Emergenza casa: "A 93 anni rischio di finire sulla strada"

La storia di Franca Laganga, pensionata che vive con la figlia a San Giuliano. A mesi sarà costretta a lasciare l’abitazione ritenuta non più abitabile.

Franca Laganga, 93 anni, cerca una casa e per ottenerla ha scritto direttamente al sindaco Jamil Sadegholvaad

Franca Laganga, 93 anni, cerca una casa e per ottenerla ha scritto direttamente al sindaco Jamil Sadegholvaad

Rimini, 23 marzo 2024 – "Il sindaco tempo addietro era venuto al centro sociale spiegando che per gli anziani ci sarebbe sempre stato". In una lettera scritta di suo pugno Franca Laganga, 93 anni, cerca disperatamente una casa e per ottenerla si rivolge direttamente a Jamil Sadegholvaad. La donna chiede una casa popolare, la domanda è seguita dalla visita dei servizi sociali nell’appartamento dove l’anziana vive a San Giuliano. Il verdetto però è negativo: la casa dove vive "non è più abitabile" e il reddito del nucleo familiare è troppo alto. Franca vive con la figlia settantatreenne, anch’essa pensionata, dall’Inps ricevono in totale circa 22mila euro. Troppi per avere una casa popolare.

Approfondisci:

Marito e moglie sfrattati: “Dormiamo in macchina aspettando l’alloggio popolare”

Marito e moglie sfrattati: “Dormiamo in macchina aspettando l’alloggio popolare”

"L’appartamento non è vivibile e gli agenti della polizia municipale – continua il racconto dell’anziana – lo mettono nero su bianco. Impossibile rinnovare il contratto di affitto, che è scaduto un anno fa per decorrenza dei termini". L’anziana, che cerca casa dal 2016, a giugno dovrà essere fuori. "A causa dello sfratto finirò in mezzo a una strada", sostiene con un filo di voce. Lei, milanese d’origine, una vita trascorsa come cassiera e come cameriera ai piani. "Ho sempre lavorato, perché non devo avere una casa?". Dopo 24 anni di permanenza, dall’appartamento Franca dovrà andarsene.

Intorno all’anziana la comunità si attiva. Almeno cinquanta persone stanno cercando di aiutarla a trovare una nuova abitazione, spingendosi anche fuori città. Troppo alto però il prezzo degli affitti e molto stringenti le richieste di garanzia da parte dei proprietari, con caparre e fideiussioni che superano il valore di un anno intero di locazione. "Le case vuote ci sono, le lasciano chiuse e non ce le danno. E all’Acer noi ci siamo state per prime, ma anche loro non hanno case a dispozizione . Ma è mai possibile che una casa popolare si può ottenere soltanto se si è in condizioni di indigenza?".

Kristian Gianfreda, assessore alle Politiche per la Casa, promette che troverà una soluzione: "La signora Laganga è conosciuta ai servizi sociali ed è seguita – conferma – Non permetteremo che una donna di 93 anni finisca in strada, interverremo e risponderemo con gli strumenti emergenziali che abbiamo. Viviamo un contesto di grave difficoltà per le locazioni, le case non si trovano, e per noi ogni giorno è come essere in trincea".