Ascoli Piceno, 29 dicembre 2017 – “Forse Manuela ha la situazione più difficile”, commenta Joe Bastianich prima dell’esame che risulterà decisivo. Eppure Manuela Costantini ce la fa: è ufficialmente tra i venti concorrenti di MasterChef 7.

La puntata del 28 dicembre conferma quanto si era già intuito dalla prima selezione. È la creatività il piatto forte della consulente ascolana. Una qualità che fortunatamente i temutissimi giudici di Sky intendono mettere alla prova. Ma non subito. Prima c’è da disossare un pollo. La Costantini tradisce ansia: “Panico, mai fatto, mai fatto”, dice ripetendo nervosamente il concetto. Alla fine ci pensa Antonino Cannavacciuolo a rassicurarla: “Manuela, mi aspettavo almeno un buco da te e invece niente, brava!”.

Antonia Klugmann in mezzo agli altri giudici di Masterchef (Lapresse)

Un complimento che tuttavia non vale il pass per la cucina più ambita dai cuochi dilettanti. Non immediatamente, almeno. Stabilite le eliminazioni e le promozioni immediate, restano in lizza ventotto persone. Bruno Barbieri annuncia loro: “Ora è arrivato il momento per dimostrare la vostra creatività”. La sfida è questa: due minuti e mezzo per fare la ‘spesa’, cioè per scegliere cinque ingredienti; quarantacinque minuti per preparare un piatto degno di questo nome. “Cinque ingredienti a me sembrano veramente pochi, perché io sono abituata ad usarne molti”, spiega Manuela, poco entusiasta della limitazione. Per sua fortuna i giudici propongono la possibilità di aggiungerne altri, ma senza poterli scegliere. Davanti agli sfidanti ci sono dei palloncini arancioni; dentro, anche se non si vedono, dei cibi. “Mi butto sui palloncini a caso e ne tiro su tre”, si decide la consulente ascolana. All’interno trova cioccolato, filetto di cervo e mirtilli disidratati. “Posso farcela - dice a ragion veduta -, si possono abbinare, poteva andare molto peggio”.

“Con i miei otto ingredienti mi sono riprogrammata per entrare nella cucina di MasterChef”, aggiunge. Ecco il suo piatto: “Pomodoro cuore di bue, melanzana fritta, capasanta, maggiorana, sale”. “E il cioccolato dov’è?”, chiede Bastianich”. Pronta la replica: “L’ho grattugiato sopra questa salsa che ho preparato con lo scalogno, i mirtilli essiccati e la parte rossa della capasanta per legarlo alla parmigiana”. “Non era facile, eh”, si lascia scappare Cannavacciuolo dopo aver assaggiato, prima di passare oltre. “Sono stati un po’ ermetici – considera Manuela -, però mi pare di aver colto un segnale di apprezzamento”. È così. La Costantini passa la prova insieme a tre colleghi ed entra ufficialmente nella cucina di MasterChef. “Magari è difficile capire che sono veramente felice perché non esprimo entusiasmo, però lo sono davvero tanto – chiosa -, è un sogno che diventa realtà”.