I The Kolors alla Sagra dell'Uva di Cupramontana (foto d'archivio Luna)
I The Kolors alla Sagra dell'Uva di Cupramontana (foto d'archivio Luna)

Cupramontana (Ancona), 2 ottobre 2019 - Ci siamo, scatta domani la 82esima Sagra dell’Uva di Cupramontana, la più antica delle Marche, che si tiene ogni anno la prima settimana di ottobre. Gabry Ponte, The Kolors e l’Equipe 84 saranno i protagonisti che saliranno sul palco della capitale del Verdicchio. Scelti dagli organizzatori i big per accompagnare un pubblico di tutte le età: si va da un tuffo negli anni ’60 fino ai giorni nostri, passando per i mitici anni ’90. Domani l’inaugurazione con ingresso libero per tutti coloro che vorranno cenare negli stand e poi ballare sotto le stelle con l’orchestra. E venerdì sarà Gabry Ponte, uno dei deejay più acclamati di questa estate, e membro degli Eiffel 65, ad accendere la notte di Cupramontana per una indimenticabile night disco.

L’indomani, sabato, riflettori puntati sui The Kolors, sempre alla ribalta nelle radio nazionali e ora on air con il singolo “Pensare male”, in coppia con Elodie. The Kolors si sono formati a Napoli 9 anni fa. Il gruppo è composto da Antonio Stash Fiordispino (voce e chitarra), Alex Fiordispino (batteria e percussioni) e Daniele Mona (sintetizzatore e percussioni). E' divenuto noto al grande pubblico vincendo nel 2015 la quattordicesima edizione del talent show tv . 

Infine domenica la chiusura della 82esima Sagra dell’Uva è affidata al gruppo italiano beat che ha tracciato la storia musicale: gli Equipe 84. O meglio gli “Equipe 84 – la Storia” perché il gruppo, icona della musica beat, quest’anno di nuovo in tour, ha modificato il proprio nome originale (Equipe 84), dopo la scomparsa, nel 2012, di Franco Ceccarelli, voce e chitarra.

“Anche questa edizione della Sagra dell’Uva è a ritmo di musica – sottolinea Luigi Cerioni, sindaco di Cupramontana nello svelare gli ospiti –. Abbiamo voluto abbracciare varie epoche musicali per far divertire e ballare il variegato pubblico che ogni anno anima Cupramontana durante la festa. Sarà un’edizione capace di coinvolgere in un entusiasmante viaggio musicale dai favolosi anni Sessanta agli anni Duemila con nomi che hanno fatto la storia e che la stanno scrivendo con le nuove generazioni”.
A fare da cornice piatti tipici, folklore e gruppi itineranti, sfilate di carri allegorici, musica sino a tarda notte lungo tutto l’anello del centro storico. Ma anche i momenti di degustazione con ‘Il Grande Verdicchio’ e approfondimento sul mondo enologico marchigiano. I biglietti sono acquistabili (costo da 16 a 12 euro) su ciaotickets mentre tutto il programma dettagliato sul sito internet: www.sagradelluva.com.