Ancona, San Valentino porta un buon pari. Va in vantaggio, si fa superare ma reagisce

I ragazzi di mister Colavitto subiscono nel secondo tempo due reti evitabili. Nonostante la stanchezza arriva il meritato punto

Ancona, San Valentino porta un buon pari. Va in vantaggio, si fa superare ma reagisce

Ancona, San Valentino porta un buon pari. Va in vantaggio, si fa superare ma reagisce

VIS

2

ANCONA

2

VIS (4-3-1-2): Neri F.; Mattioli, Rossoni, Zagnoni, Neri G.; Nina (34’ st Loru), Valdifiori (43’ st Da Pozzo), Rossetti; Pucciarelli (30’ st Peixoto); Karlsson, Nicastro. A disp. Mariani, Polverino, Tonucci, Pecile, Ceccacci, Obi, Mamona, Molina, Bastianelli, Caputo, Gulli, Kemayou. All. Banchieri.

ANCONA (3-5-2): Perucchini; Pellizzari, Cella, Mondonico; Barnabà (35’ st Moretti), Saco (35’ st Basso), Prezioso (35’ st Gatto), Paolucci (34’ st Cioffi), Martina; Giampaolo (43’ st Clemente), Spagnoli. A disp. Vitali, Testagrossa, Energe, Marenco, 19 Agyemang, D’Eramo, Radicchio, Vogiatzis. All. Colavitto.

Arbitro: De Angeli di Milano.

Reti: 24’ Paolucci, 7’ st Pucciarelli, 15’ st Zagnoni, 31’ st Giampaolo.

Note - Ammoniti: Barnabà, Prezioso, Nina, Rossoni; spettatori: 1929 compresi 522 anconetani, per un incasso di euro 12608; recuperi: 1’ + 5’.

La notte di San Valentino porta un punto all’Ancona che esce dal derby con la Vis Pesaro dando continuità al suo campionato. Valzer d’emozioni al Benelli, alla fine le due squadre sono costrette ad accontentarsi del pari ma non senza aver provato a vincere.

Risultato giusto, anche se l’Ancona deve recitare il mea culpa per essere passata in vantaggio nel primo tempo e poi aver incassato due gol evitabili nella ripresa. Bene, però, la reazione degli uomini di Colavitto. Primo tempo abbastanza interlocutorio, almeno nella prima fase, in cui le due squadre si fronteggiano soprattutto a centrocampo, faticando ad arrivare in area di rigore e a innescare i relativi attaccanti.

L’Ancona prende progressivamente coraggio, fino a trovare il gol con Paolucci, il secondo consecutivo dopo il suo rinnovo di contratto: Cella calcia in profondità, Paolucci la mette dentro per Saco, Rossoni respinge corto di testa, lo stesso Paolucci si impossessa del pallone e di destro la calcia nell’angolino dove Neri non può arrivare. Il vantaggio mette le ali all’Ancona che nel primo tempo costruisce almeno altre due occasioni da gol, nella seconda circostanza è Spagnoli a tentare il colpo del raddoppio, grazie anche a una deviazione di Zagnoni, Neri compie il miracolo.

Come spesso succede, però, l’Ancona scompare in apertura di ripresa: prima pareggia la Vis Pesaro, l’assist è di Karlsson, l’errore di Pellizzari che si perde Pucciarelli che si presenta da solo davanti a Spagnoli e insacca. Poco dopo su calcio d’angolo la Vis raddoppia grazie al colpo di testa di Zagnoni. L’uno-due però non stende l’Ancona che alla mezz’ora torna in parità: controllo e assist di Spagnoli e incornata di Giampaolo in area che batte Neri.

Colavitto fa quattro cambi per dare un po’ di ossigeno alla squadra ma la fatica del doppio confronto ravvicinato si fa sentire e alla fine le due squadre si accontentano del punto.

Giuseppe Poli