Un antipasto dell’Olimpiade, a quasi un mese e mezzo dall’appuntamento con Tokyo 2021. Riflettori accesi domani sera su Firenze (ore 20:10), per il Golden Gala Pietro Mennea, sulla pedana dell’Asics Firenze Marathon Stadium. Dove è atteso nel salto in alto anche Gianmarco Tamberi alla seconda...

Un antipasto dell’Olimpiade, a quasi un mese e mezzo dall’appuntamento con Tokyo 2021. Riflettori accesi domani sera su Firenze (ore 20:10), per il Golden Gala Pietro Mennea, sulla pedana dell’Asics Firenze Marathon Stadium. Dove è atteso nel salto in alto anche Gianmarco Tamberi alla seconda uscita nel giro di quattro giorni nella stagione all’aperto. Domenica si è "vergognato" della prima stagionale sulla pedana di Hengelo, dove è riuscito a valicare solo 2,20, come ha scritto sui social dopo la competizione in terra d’Olanda. In Toscana si dovrà confrontare con una gara di livello ancora maggiore visto che nel salto in alto ci sarà anche il campione del mondo e suo grande amico Mutaz Barshim, senza dimenticare il leader mondiale Ilya Ivanyuk nella gara dedicata al compianto Alessandro Talotti. Insomma a Firenze è quasi come una finale olimpica con Barshim che può vantare il record del meeting con il 2,41 saltato nel 2014 all’Olimpico di Roma, a quattro centimetri dal record del mondo di Sotomayor. Attenzione al russo Ilya Ivanyuk che nella stagione all’aperto ha saltato 2,37 aggiudicandosi la tappa della Diamond League di Doha. Come dimenticare poi Maksim Nedasekau che ha saltato 2.37 nella finale degli Euroindoor di Torun beffando proprio Gimbo Tamberi rimasto d’argento. La lista dei partecipanti prosegue con l’ucraino Andriy Protsenko, vincitore all’Olimpico nello scorso settembre, l’australiano Brandon Starc, lo svizzero Loic Gasch e l’altro azzurro Stefano Sottile.