La chiusura dell'A14 ha mandato in tilt anche la viabilità ordinaria
La chiusura dell'A14 ha mandato in tilt anche la viabilità ordinaria

Ascoli Piceno, 27 agosto 2018 - Un minitunnel all’interno della galleria ‘Castello’ sud, dove potranno transitare almeno le auto, smaltendo le code che hanno contrassegnato questo weekend da dimenticare. È questo il progetto di società Autostrade che da oggi inizierà la costruzione della struttura provvisoria, lunga 200 metri, nel tratto danneggiato pesantemente dall’incendio del tir avvenuto giovedì scorso in A14 (FOTO).

Il camion che ha preso fuoco ha gravemente danneggiato la galleria

Una sorta di matrioska che dovrebbe aprire le sue porte venerdì, dunque fino a giovedì la galleria incriminata resterà chiusa. "L’obiettivo principale che ci diamo per il prossimo fine settimana, in cui è previsto ancora un po’ di traffico per il controesodo estivo – spiega Marrone, direttore del 7° Tronco Pescara – è quello di realizzare una galleria artificiale di ridotta sezione, tale da consentire quantomeno il transito dei mezzi leggeri in direzione sud. Stiamo lavorando giorno e notte da giovedì sera e contiamo di aprire la struttura provvisoria per venerdì 31 agosto".

Fino ad allora comunque gli automobilisti diretti a sud, non saranno più obbligati ad uscire dall’A14 a Porto Sant’Elpidio o Porto San Giorgio per essere dirottati sulla Statale, dove fino a ieri pomeriggio si sono registrate code chilometriche. Dalle 19 di domenica sono stati riaperti tutti i caselli e il tratto chiuso verso sud, con scambio di carreggiata all’altezza della galleria incriminata. E la situazione resterà così anche per i primi giorni della prossima settimana in attesa dei lavori.

Poi entrerà in funzione il piano B, studiato perché il ripristino della galleria vera e propria sarà più complesso del previsto. Quella che passa sotto al paese alto di Grottammare, con i sui 1.250 metri, è infatti la galleria più lunga dell’intero tratto marchigiano dell’A14. E specie dopo i fatti di Genova, la società Autostrade non vuole lasciare nulla al caso, così si stanno facendo carotaggi, studi e analisi sulla stabilità della struttura.

"Di certo i danni strutturali sono piuttosto evidenti, ma non c’è alcun rischio crollo", rassicura Gianni Marrone. Il fuoco non ha sciolto solo la pavimentazione, che è stata riasfaltata in meno di 24 ore, ma la galleria si è trasformata in una sorta di forno dove, il grande calore, oltre a distruggere impianto elettrico, di ventilazione e telecamere, ha cotto, diciamo così, anche il calcestruzzo. Proprio il rischio che dalla calotta possano staccarsi delle parti ha fatto optare per la realizzazione di questa sorta di galleria interna in miniatura dove però i mezzi pesanti non potranno transitare.