Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
21 mag 2022

Silvia Ruscelli e Ugo Beltrami morti nell'incidente a Trento: lasciano tre figlie piccole

Fatale l'incidente con un Tir mentre andavano al concerto di Vasco Rossi. Avevano 47 e 49 anni, Sarsina in lutto

21 mag 2022
annamaria senni
Cronaca
featured image
Incidente a Trento, muoiono marito e moglie di Sarsina (Cesena)
featured image
Incidente a Trento, muoiono marito e moglie di Sarsina (Cesena)

Cesena, 21 maggio 2022 - Una tragedia consumata ieri pomeriggio sulle strade della provincia di Trento e che in poco tempo si è diffusa fino a noi. E infine ha sconvolto completamente la piccola comunità di Sarsina che nella serata ha appreso la terribile notizia della morte di due concittadini. Silvia Ruscelli di 47 anni e il marito Ugo Beltrami di 49 anni hanno perso la vita durante un viaggio in moto con una coppia di amici. Dovevano recarsi al concerto di Vasco Rossi a Trento e invece si sono imbattuti in un atroce destino che non gli ha lasciato scampo.

Approfondisci:

Vasco Rossi, il dolore per la coppia di Sarsina morta nell'incidente in moto

Approfondisci:

Incidente a Trento, Sarsina si ferma nel ricordo di Silvia Ruscelli e Ugo Beltrammi

Un viaggio di pochi giorni, per staccare col mondo e rilassarsi. Avevano dormito in un albergo a Dro con una coppia di amici, tutti centauri, la notte tra giovedì e venerdì, e nel pomeriggio si erano messi in viaggio, in sella alle loro motociclette. Erano le 16.40 quando una manovra, forse azzardata, è stata purtroppo fatale per la coppia di Sarsina.

Le due moto viaggiavano una dietro l’altra e dovevano immettersi nella statale proprio nel momento in cui un camion stava arrivando nella loro stessa direzione di marcia. Erano da poco partiti dall’hotel, un percorso di poche centinaia di metri in sella alla loro motocicletta, tragicamente interrotto sulla statale della Gardesana poco prima di arrivare alla località ‘Sass del Diaol’. Per cause ancora da accertare la loro moto, in fase di sorpasso, è sbandata e si è infilata sotto il pesante autoarticolato che stava proseguendo la sua marcia verso Trento.

Nonostante un disperato tentativo di frenata Ugo Beltrami e Silvia Ruscelli non hanno potuto evitare l’urto con la parte posteriore del grosso camion, con la moto che si è infilata sotto il pesante mezzo. Un impatto terribile che non ha lasciato scampo ai due centauri che sono spirati praticamente sul colpo riportando delle ferite mortali alla testa. I loro caschi sono finiti ad alcune decine di metri dai corpi ormai esanimi.

A dare l’immediato allarme l’altra coppia di amici cesenati che stava accompagnando i due motociclisti allo stesso concerto. Subito hanno avvisato la macchina dei soccorsi. Sul posto sono giunti i soccorritori di ‘Trentino Emergenza’ con un’ambulanza partita dall’ospedale di Arco, i vigili del fuoco volontari di Dro e Arco e i Carabinieri del posto. Nonostante l’immediato intervento dell’elisoccorso e del medico rianimatore, non si è potuto fare altro che constatare la drammaticità dell’incidente e il decesso praticamente immediato dei due, rimasti abbracciati e senza vita sull’asfalto, coperti dal medesimo telo bianco. Gli accertamenti sulla dinamica dell’incidente strradale sono svolti dai carabinieri.

"E’ una tragedia immane – ha detto ieri sera il vice sindaco di Sarsina Gianluca Suzzi – tutti in paese li conoscevano. Una famiglia modello con tre figlie piccole che frequentano le scuole elementari e medie. Erano sempre disponibili e gentili con tutti, persone molto attive nella parrocchia che si subito è stretta in un profondo dolore e in una grande riservatezza. Ugo Beltrami gestiva il cinema parrocchiale teatro Silvio Pellico e con l’amministrazione comunale c’era un’ottima collaborazione da anni".

Lui geometra e con la passione per la moto, lei dottoressa dal cuore d’oro. Una famiglia molto unita e conosciuta in paese. I genitori della coppia sono stati avvisati ieri sera dalle forze dell’ordine della tragica sorte capitata ai figli. Un dolore incontenibile impossibile da mascherare, il dolore più grande che un genitore possa provare, anche se ora il pensiero è per le piccole nipotine, anime innocenti che si ritroveranno a dover crescere in un battito di ciglia.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?