lo chalet Calamaretto con il cartello della chiusura
lo chalet Calamaretto con il cartello della chiusura

Civitanova Marche (Macerata), 18 agosto 2021 - Festa e balli senza mascherina, Calamaretto chiuso per cinque giorni. È successo l’altra notte, quando nello chalet del lungomare sud, secondo la ricostruzione della polizia, si stava svolgendo un vero e proprio party, come se non esistessero Covid-19 e relative restrizioni. Lo chalet è stato chiuso per cinque giorni. Non sarà certo un’estate da ricordare per la movida civitanovese.

Discoteche Cervia, chiusi due locali per assembramenti Coronavirus Civitanova Marche: stretti stretti a ballare, stop al Dune - Discoteche chiuse ma feste private e rave abusivi continuano - Covid Rimini, chiusa la discoteca Ecu: più di mille a ballare - Covid Riccione: il Musica chiuso per balli proibiti

Nelle settimane passate i casi di contagi tra lo staff di alcuni balneari hanno costretto il fermo delle attività che, in via precauzionale, hanno spesso deciso di chiudere i battenti per qualche giorno. Poi lo scenario più rigido della pandemia, che ha imposto una serie di regole che vietano balli e assembramenti e rimandano ai titolari la responsabilità di quanto accade nei locali. Così, a finire sotto la lente d’ingrandimento delle forze dell’ordine, questa volta è stato uno dei primi chalet sul lungomare sud.

Nella tarda serata, infatti, i poliziotti della divisione di polizia amministrativa della questura di Macerata, gli agenti del commissariato di pubblica sicurezza di Civitanova e della polizia scientifica hanno proceduto a effettuare una serie di verifiche al "Calamaretto", dove hanno riscontrato una situazione di inosservanza della normativa anti-Covid: lo svolgersi di una festa da ballo, con conseguenti assembramenti di centinaia di persone raggruppate nel medesimo luogo, e spesso sprovviste dei dispositivi di protezione individuale. Così è scattata la multa da parte degli agenti impegnati nell’attività nei confronti dei gestori.

Si tratta di una sanzione amministrativa relativa a cinque giorni di chiusura del locale e 500 euro di ammenda. In questo modo l’estate civitanovese si è svolta a prova di Covid, tra balli vietati, locali multati, e anche un Ferragosto insolito, quando, la notte simbolo dell’intrattenimento notturno ha dovuto fare i conti con l’ordinanza comunale che ha introdotto diverse limitazioni.